«Oggi ho la “liscìa”»: alla scoperta del modo di dire più famoso di Sicilia e non solo

 -  -  29


Il termine ha origini molto lontane nel tempo, dato che deriva dal latino “lixa”. La parola si è poi trasformata in “lixīvia” ed è passata all’italiano nella forma attuale “liscìvia”. È un modo di dire tipico specialmente del catanese, che si adatta perfettamente a chi ha parecchia voglia di scherzare senza una ragione apparentemente sensata. Uno stato d’animo improvviso e irrefrenabile che la dice lunga sull’anima sicula e sulla sua naturalissima joie de vivre

Sarà capitato a tutti, almeno una volta nella vita, di iniziare ad essere particolarmente di buonumore per un pretesto non per forza brillante. Una risata tira l’altra ed ecco che ci si ritrova a considerare divertente anche il gesto più banale, la frase più neutra, l’occasione più quotidiana. Una sensazione che i siciliani conoscono così bene da averle dato addirittura un nome: chi è in questo stato, infatti, viene normalmente etichettato come uno che ha la “liscìa”.

QUESTIONI DI ETIMOLOGIA. Il termine ha origini molto lontane nel tempo, dato che deriva dal latino “lixa” (ovvero, ranno). La parola si è poi trasformata in “lixīvia” ed è passata all’italiano nella forma attuale “liscìvia”. Si tratta in tutti i casi di una particolare varietà di sapone, utilizzata già nell’antichità e prodotta creando un infuso di cenere setacciata e acqua bollente, indispensabile già allora per lavare a mano. Da qui anche la voce “lisciaia”, per l’appunto la stanza dove ci si dedicava alla pulizia dei panni.

LE SUE VARIANTI DIALETTALI. Oggi, nelle sue varianti dialettali, la “liscìvia” ha acquisito un significato traslato non solo nella Trinacria. In Friuli-Venezia Giulia, infatti, “fare la liscia” è sinonimo di “fare il bucato”, proprio perché quest’ultimo veniva strofinato con il sapone di cui sopra, e la “liscia” in sé e per sé indica tutto quello che non si è ancora infilato in lavatrice o sotto il rubinetto.

UN MODO DI DIRE TIPICO. Nell’isola più grande del Mediterraneo, invece, la “liscìa” cambia accento ed è accompagnata dal verbo avere, trasformandosi così in un modo di dire tipico specialmente del catanese, che si adatta perfettamente a chi ha parecchia voglia di scherzare senza una ragione apparentemente sensata. Indicata spesso come giustificazione per una ridarella prolungata, la “liscìa” va tuttavia sottolineato che non ha mai niente a che vedere con l’alcol e che, anzi, indica proprio lo stato di leggera ebbrezza che colpisce chi per la verità non ha bevuto nemmeno un goccio.

Uno stato d’animo improvviso e irrefrenabile, quindi, che la dice lunga sull’anima sicula e sulla sua naturalissima joie de vivre.

 

29 recommended
comments icon 3 comments
bookmark icon

2 thoughts on “«Oggi ho la “liscìa”»: alla scoperta del modo di dire più famoso di Sicilia e non solo

    Write a comment...

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Oldest
    Newest
    Most Upvoted