La giornalista RAI, nonché scrittrice, ha raccontato il suo amore per il Medio Oriente in generale e per la Siria in particolare. Dall’adozione di un bambino a distanza ai soldi della lista nozze utilizzati per beni di prima necessità, la storia di una donna coraggiosa che si prodiga per i dimenticati dal mondo

[dropcap]«[/dropcap][dropcap]L[/dropcap]a Siria si è ritrovata a vivere una situazione in cui hanno tradito tutti, diventando il teatro di una guerra di cui continua a essere fondamentale parlare tanto e meglio, dal momento che dopo otto anni l’informazione al riguardo è ancora lacunosa». Sono queste le parole forti di Laura Tangherlini, giornalista RAI, recentemente ospite in Sicilia in occasione della prima edizione di Etnabook, il Festival Internazionale del Libro e della Cultura. La scrittrice e reporter, sposata con il cantautore catanese Marco Rò, ha parlato di Matrimonio siriano, un nuovo viaggio.

UN MATRIMONIO ALL’INSEGNA DELL’ALTRUISMO. L’opera in questione è il risultato di tre viaggi che hanno visto la Tangherlini e il marito mobilitarsi per aiutare alcuni profughi siriani rifugiatisi in Paesi vicini. «Quando ci siamo sposati, io e Marco abbiamo deciso di adottare un bambino a distanza anziché comprare inviti per il matrimonio e bomboniere, mentre i soldi della lista nozze sono stati utilizzati per aiutare i bambini siriani con cappotti invernali, oggetti di cancelleria e altro materiale richiesto dalle loro scuole. Siamo andati a incontrare le loro famiglie e abbiamo ri-festeggiato insieme a loro la nostra unione. Dopodiché, il reportage e il video della nostra esperienza hanno dato vita al volume Matrimonio siriano, con le cui vendite ho organizzato un’altra tappa a scopo benefico, stavolta in Giordania. Lì ho comprato beni di prima necessità e ho incontrato persone di ogni età ed estrazione sociale, cercando di capire come si sentissero e cosa stessero provando. Un resoconto completo delle mie esperienze è ora confluito in Matrimonio siriano, un nuovo viaggio, che mi sta permettendo di aiutare alcune famiglie con cui sono rimasta in contatto».

LE STORIE DIETRO LA STORIA. Oltre a documentare la situazione reale vissuta dal Paese e dai suoi abitanti da un punto di vista collettivo, quindi, la Tangherlini ha cercato un confronto a tu per tu con artisti, disabili, insegnanti, bambini, intellettuali e commercianti, nel tentativo di restituire un mosaico umano di storie personali dietro la Storia nazionale. «Essere giornalista mi ha aiutato a ricevere risposte e aiuti concreti da parte delle ONG che operano in quei territori, ma mi ha anche messa in una posizione delicata con i miei interlocutori. All’inizio del confitto, infatti, molti erano felici di essere ascoltati e volevano raccontare di sé nella speranza che l’Occidente intervenisse in loro aiuto quanto prima. In tempi più recenti, invece, sono stati sempre più numerosi i casi in cui la gente si sentiva delusa e ignorata dalle nostre società, rifiutandosi di rilasciare interviste dato che quasi niente per loro era cambiato dal 2011 in poi».

I FALSI MITI DEL RITORNO IN PATRIA. Nonostante qualche resistenza, la reporter ha comunque proseguito la propria missione umanitaria con coraggio e accoramento: «Non ho mai avuto paura prima o durante i miei viaggi, anzi. Ho un legame viscerale con la Siria e quando sono in Medioriente mi sento a casa, accolta a braccia aperte da chi ascolta il mio arabo sgangherato e condivide con me perfino quello che non ha». A preoccupare la giornalista, però, è il fatto che la situazione sembra evolvere verso una pace ancora solo fittizia. «Molte aree sono andate distrutte e necessitano di un poderoso intervento statale prima di essere ripopolate – spiega infatti. – Spesso manca la fornitura di acqua, elettricità e connessione internet, e non esistono né scuole né ospedali che possano rendere la vita della popolazione degna di essere vissuta». Ecco perché il desiderio di tornare in patria è pulsante nei cuori di centinaia di profughi, ma la sua realizzazione appare ancora lontana. «In Libano ho percepito una certa insofferenza all’idea di accogliere così tanti rifugiati, al punto che a detta di alcuni i siriani vorrebbero rubare loro lavoro e risorse, non capendo che gli inganni e le atrocità provenienti da ogni fazione politica implicata nel conflitto siriano non sono ancora finiti».

MOBILITAZIONE E INFORMAZIONE. Ciò che potrebbe fare la differenza, dal canto nostro, secondo la Tangherlini è molto chiaro: «Innanzitutto, è necessario informarsi ogni giorno meglio e di più, per evitare di lasciare che notizie sporadiche e superficiali ci confondano le idee e ci facciano sentire lontani da quanto accade sotto i nostri occhi. Oltre a questo, però, è fondamentale anche mobilitarsi per dare una mano con i mezzi a propria disposizione a chi ne ha bisogno. Io ci sono riuscita grazie al mio matrimonio e alla scrittura, per quanto numerose siano le strade alternative che si possono intraprendere in maniera individuale o in gruppo. La Siria ha perso per sempre centinaia di migliaia di morti in otto anni, ora ha diritto a un futuro dignitoso per le vecchie e nuove generazioni, che si lasci finalmente alle spalle orrori e dolori».

Il nostro impegno è offrire contenuti autorevoli e privi di pubblicità invasiva.
Sei un lettore abituale del Sicilian Post? Sostienilo!

Fai una donazione libera

Preferiresti fare un bonifico? Inviaci una mail per richiedere le nostre coordinate bancarie

Print Friendly, PDF & Email