Fra l’ultimo giorno dell’anno e il primo di quello nuovo ci interroghiamo su ciò che abbiamo forse di più prezioso: il tempo, sempre in corsa a inseguirlo, finché il semaforo ci ricorda di disimparare ad avere fretta

[dropcap]«[/dropcap][dropcap]T[/dropcap]empo non c’è tempo sempre più in affanno / Inseguo il nostro tempo», canta il nostro Battiato. C’è un momento esatto in cui il tempo comincia a scorrerci veloce. E coincide con l’odore delle pagine della prima agenda, con le prime annotazioni nel calendario del telefono. Da piccoli non progettiamo, aspettiamo. Aspettiamo l’estate per andare a mare, l’8 dicembre per addobbare l’albero, la domenica per le uscite fuori porta. Aspettare è il tempo del silenzio e nel silenzio si sente la risata, ci si prepara alla felicità. Mentre aspettare non è inseguire, il progettare finisce col lanciarci nel futuro famelici dei giorni che ci separano da una data: un esame, un viaggio, una visita medica, un appuntamento, un colloquio, un concerto. È una trappola mortale. Inizia così la nostra corsa. Corsa in cerca della felicità. Ma mentre corriamo ci dimentichiamo di fermarci ad assaporarla, così la consumiamo take-away come cibo da strada, all’impiedi. Anche a casa nostra. Che fine hanno fatto i salotti con poltrone in pelle in cui sprofondare leggendo un libro, ascoltando musica tenue o intrattenendo gli amici? Abbiamo tutti l’orologio al polso ma non abbiamo mai tempo. Allora finiamo col promettere proprio ciò che non abbiamo: è un vizio che gli altari e le nostre agende conoscono. Non promettiamo infatti amore e pomeriggi insieme? «Ogni cosa che vogliamo, ogni cosa che abbiamo paura di non avere, ogni cosa che alla fine decidiamo di comprare è perché in realtà, a conti fatti noi desideriamo l’amore, vorremmo avere più tempo e temiamo la morte»: è il discorso d’apertura di Will Smith in Collateral Beauty. Le nostre agende inseguono le prime due, fuggono l’ultima.

PROMETTERE TEMPO. Ecco quanto scrive Nietzsche nell’aforisma 58 di Umano, troppo umano: «Si possono promettere azioni, ma non sentimenti: questi sono involontari. Chi promette a qualcuno di amarlo sempre o di odiarlo sempre o di essergli sempre fedele, promette qualcosa che non è in suo potere». Spiega poco più avanti: «La promessa di amare sempre qualcuno, significa cioè: finché ti amerò, compirò verso di te le azioni dell’amore; se non ti amerò più, continuerai a ricevere da me le stesse azioni». Ecco l’ambiguità di ogni promessa: mentre mette al centro l’azione, il rischio è che assuma i connotati contrattualistici del do ut des, trasformandoci in animali calcolanti intrappolati in azioni-meccanismi, ciechi e paurosi dinnanzi all’imprevedibilità del divenire. Libero di fare liberamente promesse non può che essere allora l’Übermensch. Come diventarlo? Concedendoci qualche attesa e qualche ritardo.

MERIDIONALI: UN MODO DI VIVERE IL TEMPO. Risale pressoché al XV secolo l’aggiunta dei minuti all’orologio e da allora anche il tempo è alla mercé del commercio: ogni attimo della nostra vita diventa misurabile e le lancette dell’orologio nel fare a pezzi i minuti fanno a pezzi l’uomo. Da qui l’ansia da pianificazioni, da programmi da stilare e aggiornare nel tentativo di controllare tutto. Tutto è calcolabile, tutto è ansia, perché tutto è tempo. Non siamo più capaci di rapportarci con l’incertezza. Un’eccezione resiste fra mille rimproveri: il meridionale è spesso in ritardo. Sarà perché ha imparato a conviverci con l’incertezza, a furia di fare i conti con la precarietà della politica, del lavoro e della sua terra che ora si allaga, ora brucia, ora trema. Ci vediamo per le 21, ci vediamo dopo pranzo: con quest’orari che sfumano si oppone titanicamente e inconsapevolmente a un controllo ossessivo delle lancette.

COLORE DELL’ANNO. «Vivace eppur delicato, PANTONE 16-1546 Living Coral ci avvolge con calore e affetto infondendo conforto e ottimismo in un mondo in continuo cambiamento». In fondo il corallo è figlio del rosso, rosso come le vesti che, fin dai tempi di Augusto, indossiamo a capodanno, simbolo di salute, passione e fortuna. Rosso come il colore dell’agenda che ho scelto per il 2019, rosso come il semaforo che ti obbliga a disimparare ad avere fretta, a fermarti a pensare e aspettare.

Il nostro impegno è offrire contenuti autorevoli e privi di pubblicità invasiva.
Sei un lettore abituale del Sicilian Post? Sostienilo!

Fai una donazione libera

Preferiresti fare un bonifico? Inviaci una mail per richiedere le nostre coordinate bancarie

Print Friendly, PDF & Email