I ragazzi dell’orchestra e del coro basati sul “Sistema Abreu” hanno suonato per la cantautrice catanese il brano “Terra ca nun senti” di Rosa Balistreri

[dropcap]«[/dropcap][dropcap]N[/dropcap]ella vita dobbiamo essere capaci di trasformare ogni avversità in opportunità: la musica è lo strumento più adatto per farlo. Stamattina questa canzone ha trasformato il mio cuore». Ha commentato così la cantautrice Carmen Consoli l’accoglienza riservatale dai ragazzi di “MusicaInsieme a Librino”. L’orchestra e il coro basati sul “Sistema Abreu” hanno eseguito per lei, nei locali della parrocchia “Resurrezione del Signore”, “Terra ca nun senti” di Rosa Balistreri. «Questa canzone – spiega la direttrice d’orchestra Alessandra Toscano – è stata scelta perché pur raccontando la disperazione per una terra che non trattiene i suoi figli, è anche un grido di dolore che chiede riscatto. La solidarietà nei territori più difficili non è una scelta, ma una necessità per raggiungere obiettivi positivi; il nostro scopo qui è dimostrare la bellezza di Librino e questo coro ne è la più viva manifestazione».

CARMEN CONSOLI. Carmen Consoli ha poi risposto alle curiosità dei giovani musicisti raccontando come i suoi genitori abbiano avuto un ruolo fondamentalenella sua formazione «convinti che la musica, come tutte le altre arti, aiuti a scorgere la bellezza del mondo, mi hanno sempre incoraggiata e affiancata. Fare musica significa capire gli altri e vivere al loro fianco».

LA MUSICA COME PROSPETTIVA. Proprio la voglia di stare in gruppo e stringere nuove amicizie ha convinto Chiara e Cristina, due adolescenti che vivono nel quartiere popolare, ad entrare a far parte dell’orchestra. «Abbiamo un rapporto particolare con la musica, – raccontano – e non è difficile trovarci con le cuffie alle orecchie. Noi ragazzi siamo tutti dipendenti dalla musica, viverla da protagonisti però è un’altra cosa». Tra i membri di “Musicainsieme” c’è anche il contrabbassista nigeriano Loveth, che ha iniziato a suonare soltanto pochi mesi fa, ma è stato subito integrato in orchestra. Giunto in Italia da otto mesi ci racconta di aver conosciuto il coro grazie al passaparola di un amico e di non averlo più voluto abbandonare. «Nel mio paese amavo cantare, così quando sono arrivato in Italia mi hanno invitato a venire qui. Non avrei mai immaginato che suonare uno strumento potesse essere così: è tutto molto bello».

I giovani dell’orchestra MusicaInsieme a Librino assieme a Carmen Consoli

MUSICA A TRECENTOSESSANTA GRADI. Nonostante buona parte del repertorio interpretato dall’orchestra sia musica d’arte, non mancano le incursioni nel mondo della cosiddetta “leggera”. Del resto negli ultimi anni i ragazzi hanno avuto modo di incontrare tanto strumentisti classici (come il venezuelano Edicson Ruiz, primo contrabbasso dei Berliner Philarmoniker) quanto vere rockstar come Piero Pelù e musicisti “trasversali” come il violoncellista palermitano Giovanni Sollima. «Dopo le prove – racconta Federico, uno dei ragazzi più esperienti del gruppo – ci divertiamo tra di noi a suonare musica rock con il violoncello». Perché cambiare musica si può, anche a Librino.

Il nostro impegno è offrire contenuti autorevoli e privi di pubblicità invasiva.
Sei un lettore abituale del Sicilian Post? Sostienilo!

Fai una donazione libera

Preferiresti fare un bonifico? Inviaci una mail per richiedere le nostre coordinate bancarie

Print Friendly, PDF & Email