Tra i tanti modi per ricordare Rosario Livatino nell’anno della beatificazione non passa inosservata, per la concretezza, la presentazione a Catania della “Casa di accoglienza Rosario Livatino”, che intende offrire una soluzione abitativa a detenuti fruitori di misure alternative alla carcerazione e a neo-dimessi, ovvero ex detenuti che hanno estinto la pena, nella prospettiva di favorire il recupero e il reinserimento sociale di chi sta scontando una pena o l’ha già estinta e si trova senza fissa dimora. Dalla biografia del Beato Giudice veniamo a conoscenza di quanto fosse di grande qualità e umanità. Gli imputati, anche per i più gravi delitti, erano per lui innanzitutto persone, tanto da alzarsi e stringere loro la mano quando entravano o uscivano dal suo ufficio. E che dire di quando andava all’obitorio a pregare accanto al cadavere di mafiosi uccisi o di quando, nel giorno di Ferragosto, andò di persona a portare in carcere il mandato di scarcerazione per un recluso, affinché non vi restasse neanche un minuto in più. L’abbiamo chiamata “umanità”, ma nel suo caso è il Vangelo a “imporlo” a partire dalle parole stesse di Gesù “ero carcerato e siete venuti a trovarmi”, che diventa poi per la Chiesa una delle opere di misericordia corporale.

Oggi, tutto ciò ha ispirato e ispira l’azione dell’Arcidiocesi di Catania e della Fondazione Francesco Ventorino, in un tempo particolarmente difficile alla luce dei tristi fatti di cronaca legate alle carceri, trasformandosi in un segno di carità e di speranza. L’iniziativa si colloca all’interno di una presenza nella Casa Circondariale di Piazza Lanza, a partire dal 2009, di un cospicuo gruppo di volontari, formalmente costituitisi, dal 2020 come espressione della Fondazione. Tale impegno presenta oggi forme molto articolate: diversi laboratori (teatrale, artigianale, di lettura, di cucina, di taglio e cucito) un cineforum e la realizzazione di numerosissimi colloqui individuali, cui è intimamente connessa, oltre che la fornitura di sostegno morale e materiale, anche una continua attività di supporto nelle relazioni con le famiglie, con gli avvocati, con enti esterni. E poi? Una volta scontati gli anni comminati dalla giustizia o all’interno di una pena alternativa alla detenzione? Il bisogno alloggiativo riguarda, infatti, non solo potenziali fruitori di misure alternative alla detenzione ma anche i “neo dimessi”; inutile sottolineare quanto l’assenza di un domicilio ostacoli e ritardi il processo di reinserimento anche per chi ha estinto il proprio debito con la giustizia.

Ora c’è un’opportunità, la casa di accoglienza che si trova a Motta Sant’Anastasia in un immobile della diocesi, che intende offrire i seguenti servizi, programmati e realizzati da personale qualificato: alloggio e vitto, interventi di sostegno e sviluppo delle capacità di autonomia e autogestione, accompagnamento ai servizi territoriali (sociali, sanitari e del lavoro), attività ricreative, mediazione culturale, orientamento e informazione legale, formazione e/o riqualificazione professionale, sostegno psicologico. «All’interno di un approccio integrale, integrato e multidisciplinare alla persona dell’ospite della Casa – dice Alfio Pennisi della Fondazione Ventorino – il servizio offerto si svolgerà in sinergia con tutte le risorse ed enti che il territorio mette a disposizione a favore dei soggetti più svantaggiati. In una società spesso caratterizzata da quella che Papa Francesco ha definito “la cultura dello scarto”, i carcerati – e con essi le loro famiglie – sono tra gli scarti più negletti. La Fondazione e la Chiesa catanese intendono affermare invece l’insopprimibile dignità di ogni uomo e donna ponendo dunque un segno di novità e speranza per la società intera».

Il nostro impegno è offrire contenuti autorevoli e privi di pubblicità invasiva.
Sei un lettore abituale del Sicilian Post? Sostienilo!

Fai una donazione libera

Preferiresti fare un bonifico? Inviaci una mail per richiedere le nostre coordinate bancarie

Print Friendly, PDF & Email