Ond’è che proporre al fanciullo (per esempio negli studi) uno scopo lontano (come la gloria e i vantaggi ch’egli acquisterà nella maturità della vita o nella vecchiezza, o anche pur nella giovanezza), è assolutamente inutile per muoverlo (onde è sommamente giusto ed utile l’adescare il fanciullo allo studio col proporgli onori e vantaggi ch’egli possa e debba conseguire ben tosto, e quasi di giorno in giorno, ch’è come ravvicinare a’ suoi occhi lo scopo della gloria e dell’utilità degli studi…).

Giacomo Leopardi

Quante volte ci è stato detto e abbiamo detto che quello che si studia oggi servirà domani e per la vita, spesso per spegnere sul nascere domande a cui non sapevano e non sapevamo rispondere. Eppure, col senno di poi, è stata un’occasione sprecata nei nostri confronti e per gli altri, e se lo afferma lo stesso Leopardi, possiamo fidarci! Non si tratta di dover per forza capire tutto e subito, ma di mostrare che, studiando, è possibile raggiungere delle mete vicine, e soprattutto dare delle motivazioni. Non sappiamo offrirle? Pazienza, però proviamo a stimolarle, a suscitarle, a farle nascere. Chi studia va intrinsecamente alla ricerca dei “perché”, solo esteriormente del “cosa”, del “come” e del “quando”. A questo si aggiunge un’altra questione fondamentale, cioè “che c’entra tutto ciò con la mia vita?”. Infine, più che indicare uno scopo lontano, proviamo a proporne gradualmente uno all’altezza e poi uno grande.

Il nostro impegno è offrire contenuti autorevoli e privi di pubblicità invasiva.
Sei un lettore abituale del Sicilian Post? Sostienilo!

Fai una donazione libera

Preferiresti fare un bonifico? Inviaci una mail per richiedere le nostre coordinate bancarie

Print Friendly, PDF & Email