Passeggere: Quella vita ch’è una cosa bella, non è la vita che si conosce, ma quella che non si conosce; non la vita passata, ma la futura. Coll’anno nuovo, il caso incomincerà a trattar bene voi e me e tutti gli altri, e si principierà la vita felice. Non è vero?
Venditore: Speriamo.  

Giacomo Leopardi. Operette Morali

La conclusione dell’anno solare – se non fosse per le vacanze – non è proprio come la fine dell’anno scolastico che si accoglie con maggiore gioia, ma nondimeno è un tempo di festa anche in un periodo così difficile. L’anno finisce e, a differenza di quello scolastico, ne arriva subito un altro; non abbiamo quasi il tempo di chiudere qualcosa che subito se ne apre un’altra, sappiamo cosa abbiamo vissuto, non conosciamo ciò che vivremo, sogniamo per l’immediato futuro. È come leggere un libro che ci appassiona e di cui divoriamo le pagine, o come un film bellissimo che ci stupisce scena per scena, magari come un videogioco nel passaggio da un livello a quello successivo sempre più avvincente. La vita è così ma allo stesso tempo non lo è, perché se da un lato siamo coinvolti in modo particolare vivendo al massimo ogni momento, dall’altro la vita non è una finzione letteraria, scenica, tecnologica; se giriamo la pagina di un libro mille volte questa sarà sempre la stessa, così vale per le sequenze di un film e per i livelli del videogioco. In tutti casi, però, si cade in piedi – speriamo – perché conta come affrontiamo la quotidianità e viviamo il presente, allo stesso modo in cui ci lasciamo coinvolgere nella lettura, nella visione, nel giocare. Sereno e felice inizio!

Il nostro impegno è offrire contenuti autorevoli e privi di pubblicità invasiva.
Sei un lettore abituale del Sicilian Post? Sostienilo!

Fai una donazione libera

Preferiresti fare un bonifico? Inviaci una mail per richiedere le nostre coordinate bancarie

Print Friendly, PDF & Email