Quello che fu mio lo persi strada facendo, quasi inavvertitamente;
e adesso, se ho un foglio e una matita,
faccio – indovina un po’ – faccio dei versi!


Marino Moretti

Quanto abbiamo perso da un anno a questa parte, quanto abbiamo perso in questi mesi! All’inizio non lo abbiamo compreso, oggi, guardando indietro, ci sono chiari segni; li ha posti un virus oscuro e quasi inavvertitamente anche noi. C’è chi dice che la scuola è tra questi “oggetti smarriti”, ma in realtà è ciò che ha permesso a tanti, piccoli e grandi, di non smarrirsi. Nonostante tutto, quindi, la scuola va avanti, tenendo la testa alta, non un’entità generica ma persone reali, ragazzi, donne e uomini che sono appassionati innanzitutto della vita o almeno dovrebbero. E la vita vera è proprio fatta di un continuo confronto di idee, storie, persone, stagioni che passano e si rinnovano. Così capita che un sentiero stretto e impervio, come il tempo che stiamo vivendo, sia l’occasione per Prof. e alunni di scrivere sulle incertezze del futuro, sull’amore, sull’amicizia, su come le difficoltà possano diventare opportunità quando si cammina insieme, seguendo lo stesso verso.

Il nostro impegno è offrire contenuti autorevoli e privi di pubblicità invasiva.
Sei un lettore abituale del Sicilian Post? Sostienilo!

Fai una donazione libera

Preferiresti fare un bonifico? Inviaci una mail per richiedere le nostre coordinate bancarie

Print Friendly, PDF & Email