Nello spettacolo diretto da Massimo Barilla e Salvatore Arena la vicenda legata all’ingiusta condanna in seguito ai fatti della strage di Alcamo Marina del ’76. «Il nostro teatro – spiega il regista – racconta la Storia dal punto di vista di chi ne subisce le deviazioni»

[dropcap]«[/dropcap][dropcap]I[/dropcap]l teatro deve aprire dubbi, spostare le false verità e accendere in chi condivide questa esperienza la voglia di capire la complessità della realtà». È da questa visione che prendono le mosse gli spettacoli di Massimo Barilla, autore e regista a quattro mani insieme a Salvatore Arena dell’opera Come un granello di sabbia, che andrà in scena sabato 10 e domenica 11 al Teatro Angelo Musco di Catania per il cartellone Palco Off. La messa in scena, che vedrà lo stesso Arena attore protagonista è stata prodotta dalla compagnia Mana Chuma Teatro di Reggio Calabria dalla Fondazione Horcynus Orca di Messina e racconta la storia di Giuseppe Gulotta, detenuto in carcere per 22 anni a causa di un errore giudiziario.

GIUSTIZIA E RETORICA. Quando fu accusato dell’omicidio dei due carabinieri Salvatore Falcetta e Carmine Apuzzo, avvenuto in provincia di Trapani a metà degli anni Settanta e conosciuto come “la strage di Alcamo Marina”, Giuseppe Gulotta aveva appena 18 anni e faceva il muratore. Nonostante la sua innocenza, riconosciuta solo dopo 36 anni, Gulotta fu torturato e condannato all’ergastolo. «In passato – racconta Barilla – ci siamo occupati di storie contemporanee, spesso molto tragiche e complesse, però questa è stata la prima volta che abbiamo trattato la storia di qualcuno ancora in vita. Con Giuseppe abbiamo avuto l’opportunità e la fortuna di collaborare nella costruzione dello spettacolo. Abbiamo cercato di rendergli giustizia senza essere retorici o calcare la mano su degli aspetti che magari non lo rispecchiavano. Giuseppe è davvero spiazzante. Leggendo la sua storia ci si aspetterebbe una persona piena di rabbia, rancore e rimorso per tutto ciò che non ha vissuto. Invece lui è una persona umile e intelligente, che si è aggrappata alla volontà di avere riconosciuta a tutti i costi la sua dignità, anche un giorno prima di morire, scegliendo di non scappare e affrontando tutto quello che gli stava capitando, divenendo di fatto un ostacolo in ingranaggi molto complessi».

Una scena dallo spettacolo (foto Marco Costantino)

ACQUA E VINO. Una metafora molto importante dello spettacolo è quella dell’acqua e del vino: «Nello spettacolo – spiega ancora Barilla – il vino rappresenta l’innocenza perduta. Questa dicotomia è nata dopo che un giorno, in modo del tutto casuale, a pranzo da lui a Certaldo scoprimmo che prima dell’esperienza in carcere, Giuseppe era completamente astemio. Aveva cominciato a bere il vino in prigione». Questa battuta nata per caso, ha poi influenzato tutta la costruzione della drammaturgia, sottolineando la dicotomia tra il periodo dell’innocenza prima del carcere (l’acqua) e la sua perdita con l’ingresso in penitenziario (il vino).

STORIA MASSIMA E VICENDE UMANE.  Lo spettacolo Come un granello di sabbia s’inserisce in un progetto più ampio portato avanti dalla compagnia Mana Chuma Teatro. «Questo lavoro – spiega ancora Barilla – è il quarto episodio di una quadrilogia sulla storia contemporanea del Mezzogiorno nata in maniera quasi spontanea. Veniamo dal teatro civile e di narrazione e il nostro approccio cerca di raccontare dalla prospettiva di chi subisce le deviazioni della storia. Non c’è un narratore esterno, ma una o più voci che offrono dei punti di vista di come le cose siano andate. È il nostro modo di raccontare la “Storia massima”, quella con la S maiuscola».

I PROGETTI FUTURI. Dopo la tournée con Come un granello di sabbia, già in giro da due anni, la Compagnia si dedicherà a un nuovo progetto. «Sarà anche questo legato alla storia contemporanea – ci anticipa il regista – ma con un approccio diverso. Sarà ambientato nella Calabria degli anni 70-80, ma il linguaggio e la costruzione della storia saranno più vicini alle forme della tragedia greca o del teatro shakespeariano. Un esperimento che, partendo dal racconto contemporaneo, vuole fare un ulteriore passo in avanti rendendolo ancora più universale e capace di raccontare una parte dell’umano che può prescindere dal tempo e dalla storia».

Il nostro impegno è offrire contenuti autorevoli e privi di pubblicità invasiva.
Sei un lettore abituale del Sicilian Post? Sostienilo!

Fai una donazione libera

Preferiresti fare un bonifico? Inviaci una mail per richiedere le nostre coordinate bancarie

Print Friendly, PDF & Email