Nota voce per bambini e adulti, il doppiatore e fumettista lombardo parla ad Etna Comics della sua professione e del fumetto, del suo valore educativo e del numero crescente di lettori che scelgono questo genere letterario

Impossibile sentire la sua voce e non voltarsi: stiamo parlando di Fabrizio Mazzotta, attore, doppiatore, dialoghista, direttore del doppiaggio e fumettista italiano. Le sue corde vocali vibrano in tantissimi personaggi di più generazioni: Mizar in “UFO Robot Goldrake”, Mignolo in “Mignolo e Prof.”, Ted Carter in “Holly e Benji”, Frankie in “Tom & Jerry: Il film”, Eros in “Pollon”, uno dei tre porcellini in “Shrek”, Tontolone ne “I Puffi”, il pappagallo ne “L’isola del tesoro”, P-Chan e Sasuke Sarugakure in “Ranma ½”, Krusty il Clown ne “I Simpson”. Ha eseguito anche il doppiaggio di attori: in “Fantozzi” ad esempio, presta la voce a Mariangela. Da qualche anno Fabrizio è parte dello staff di Etna Comics, il Festival Internazionale del Fumetto e della Cultura Pop che negli anni ottiene sempre più proseliti.

Lei ha iniziato la sua professione da giovanissimo. Come ha visto evolversi la figura del doppiatore?
«Negli anni Cinquanta/Sessanta il doppiatore proveniva dal teatro o dalla televisione. L’avvento di Internet ha solo apparentemente semplificato questa figura: con YouTube un po’ tutti pensano di essere doppiatori, dimenticandosi che quella del doppiaggio è una professione attoriale complessa, che richiede studio, costanza ma anche attrezzature giuste, prima fra tutte una sala di doppiaggio».

La sua è una voce molto riconoscibile, mi riferisco soprattutto al doppiaggio di Krusty il Clown. Come reagiscono i bambini quando la sentono?
«Mi ricordo che quando ero piccolo i miei compagni delle elementari erano orgogliosi di avere in classe un bambino attore e poi doppiatore. Le fiere del fumetto, Etna Comics soprattutto, hanno contribuito a far conoscere questa professione: vedo che il pubblico risponde molto bene, soprattutto i bambini: mi sentono ed è un piacere che mi riconoscono».

Si è mai travestito da uno dei personaggi da lei doppiato?
«È capitato molti anni fa, durante dei Cartoon Party con il Trio Medusa: intervallavamo le sigle dei cartoni animati con delle gag e spesso mi vestivo da Krusty o mi svestivo da Eros di Pollon (ride, perché il personaggio era praticamente nudo, ndr). È stato divertente, però non andrei mai in giro in quel modo».

Non le piacevano i panni di Eros?
«No no, al contrario. L’originale giapponese era molto meno brillante. A me invece piaceva molto così l’ho un po’ reinterpretato. Mi è piaciuto tantissimo e tutt’ora mi piace. Oltre a Eros sono molto legato a Krusty il Clown, mi diverte ancora, nonostante siano 28 anni che trasmettono “I Simpson”».

Come si divide tra doppiatore, attore e fumettista?
«Prima riuscivo benissimo, da alcuni anni fare il doppiatore, direttore di doppiaggio, l’adattatore mi prende parecchio tempo e i fumetti li ho dovuti accantonare. Il mestiere del direttore di doppiaggio mi impegna dalla mattina alla notte».

Tanti giovani ma anche tanti adulti leggono i fumetti. Pensa possono veicolare messaggi educativi?
«Il fumetto è un genere letterario particolare. Il cinema, la televisione li puoi condividere, un libro lo puoi leggere ad un pubblico, il fumetto invece è l’unica lettura che devi fare assolutamente da solo perché è una comunicazione per immagini e ha un suo linguaggio espressivo specifico che va tradotto e interpretato. I lettori di fumetti, sia uomini che donne, crescono e questo è un bene proprio perché credo veicolino anche messaggi educativi».

Questioni di gender e mondo del fumetto: cos’è cambiato?
«Una volta il fumetto era appannaggio solo degli uomini: era impensabile che una ragazza leggesse Dylan Dog o i manga. Ora invece è una cosa normalissima e più o meno si equivale sia il pubblico di lettori, sia il direttivo che lavora alle realizzazioni: ci sono tantissime autrici di fumetti, oltre che lettrici. Il che è positivo».

C’è qualche ambito non ancora esplorato che vorrebbe esplorare?
«Mi piacerebbe lavorare di più con il cinema e lavorare di più con attori in carne ed ossa. Ogni tanto mi capita di dirigerli o anche di doppiarli e vorrei dedicare più spazio a questo fronte».

Il nostro impegno è offrire contenuti autorevoli e privi di pubblicità invasiva.
Sei un lettore abituale del Sicilian Post? Sostienilo!

Fai una donazione libera

Preferiresti fare un bonifico? Inviaci una mail per richiedere le nostre coordinate bancarie

Print Friendly, PDF & Email