Dopo aver viaggiato per due giorni interi carico di beni di prima necessità, giovedì sera è ripartito da Lublino, in Polonia, l’autobus della missione umanitaria ribattezzata sui social #FavaraForUkraine, nata dall’idea di Carla Bartoli, una ragazza sedicenne originaria del paesino dell’agrigentino. A bordo del mezzo, che arriverà a Favara sabato mattina, ci sono una cinquantina di persone – donne, bambini e anziani – ma anche qualche gattino e cagnolino, scappati dalla guerra insieme ai loro padroni. Per Carla, giovane europea con il sogno della carriera diplomatica, fino a poche settimane fa la guerra era solo quella lunga sfilza di date sui libri di storia da imparare a memoria.

Tra lo sgomento e la preoccupazione provati guardando le immagini trasmesse dai telegiornali, fa capolino in lei l’idea: provare ad essere “quel cambiamento che vuole vedere nel mondo”. Come? Noleggiando un autobus per arrivare al confine con l’Ucraina e salvare vite umane portandole in Sicilia. La cifra necessaria è di 8.000 euro. La reazione di Carla è chiara e decisa: «Chiederò un euro a ottomila persone». La raccolta fondi prende il volo grazie ai social e nel giro di dieci giorni il traguardo viene addirittura superato. «Sapevo ce l’avremmo fatta – confessa Carla. Ho molta fiducia nelle persone, ma avevo anche paura che tutto si arrestasse dopo i primi giorni».

Carla inizia coinvolgendo i suoi genitori – Florinda Saieva e Andrea Bartoli, fondatori di Farm Cultural Park – per poi arrivare alle comunità di Favara e dei paesi limitrofi. In pochi giorni quell’autobus viene riempito di scatoloni di cibo, farmaci, coperte, alimenti per neonati, mentre numerose famiglie di Favara e della vicina Bivona danno la disponibilità per accogliere i profughi che raggiungeranno al confine ucraino. L’emozione è tanta, ci confessa Florinda Saieva, mentre si trova a bordo dell’autobus, insieme ad altri volontari. «Abbiamo agito d’istinto, senza pensare troppo alla responsabilità. Era questo che sentivamo di fare e l’abbiamo fatto». Nel corso del viaggio, si è unito alla missione anche Sergii Klimakov, ex ciclista professionista, ucraino ma da tempo trapiantato nell’agrigentino che a bordo della sua macchina ha già fatto la spola per mettere in salvo diversi suoi concittadini. Carla invece, che attualmente studia a Parigi, segue da lontano il viaggio provando grande gratitudine verso la sua comunità che si è mobilitata affinché quest’iniziativa andasse in porto, ma soprattutto verso i suoi genitori, verso «mia madre che è sull’autobus in questo momento e mio padre che si sta occupando della sistemazione delle famiglie che arriveranno». La stessa gratitudine che quelle persone terrorizzate stanno provando verso chi da un’isola lontana tende loro una mano e un sorriso. Ad attenderle c’è la terra di Sicilia. E un cielo sicuro sopra la testa.

Il nostro impegno è offrire contenuti autorevoli e privi di pubblicità invasiva.
Sei un lettore abituale del Sicilian Post? Sostienilo!

Fai una donazione libera

Preferiresti fare un bonifico? Inviaci una mail per richiedere le nostre coordinate bancarie

Print Friendly, PDF & Email