Sarà presentato il prossimo 29 marzo a Catania l’ultimo romanzo di Letizia Di Benedetto, scrittrice originaria di Scordia. Nella sua opera trova spazio un’ampia riflessione sulla vita di coppia e la sua incomunicabilità, valevole sia per gli uomini che per le donne, nonché sulla dipendenza affettiva nei confronti dei genitori e su temi di scottante attualità

Non deve essere per forza la giornata nazionale contro la violenza sulle donne per parlare di certi argomenti e ribadire, ancora una volta, quanto è importante rispettarne la loro e l’autonomia, senza tentare di prevalere su di loro con la forza, con le parole o con i giochetti psicologici.

Ruota attorno a questi argomenti Un volo di farfalle rosse (Europa Edizioni), l’ultimo romanzo di Letizia Di Benedetto presentato l’8 marzo a Scordia e che arriverà anche a Catania il 29 marzo, alle 18.30, negli spazi dello Student Lab di via Firenze, dove l’autrice sarà accompagnata dalla presidente di Leo Club Catania Nord Emma Petrosino e dalle musiche del chitarrista Flavio Costantino Burtone.

LA SCRITTURA NASCE DALLA VITA. Lo porterà presto anche a Rimini e a Torino, per poi proseguire con altri appuntamenti estivi, Letizia Di Benedetto, casalinga di Scordia che da sempre ha la passione per la scrittura, tant’è che fin da ragazza le amiche apprezzavano i temi che scriveva in classe e oggi non si meravigliano del debutto dell’amica nel mondo degli scrittori. «Non ci ho mai badato – dice lei – io scrivo, qualsiasi cosa mi venga in mente mi siedo e scrivo. Un pensiero, una meditazione, un avvenimento personale che nel tempo sono diventati dei racconti, pubblicati e premiati con i premi nazionali di letteratura dedicati a Rita Levi Montalcini e Alda Merini, per citarne alcuni».

Proprio questi riconoscimenti sono stati interpretati come una prova del suo talento e del fatto che quello che scriveva veniva apprezzato dal pubblico dei lettori. E così ne ha scritti altri e altri ancora. «Spesso – chiarisce – sono spunti di vita privata e reale che colgo, mi colpiscono e scrivo romanzandoli per raccontarli». Come Un volo di farfalle rosse, storia che racconta le diverse fasi di vita di una bambina, poi adolescente, donna, compagna, sposa, madre. «Spazia in tutti i suoi tempi e le sue vicissitudini – spiega la scrittrice – legate in primo luogo all’incomunicabilità che si crea all’interno della vita coniugale, che diventa violenza verbale e, in qualche caso, psicologica e fisica. E che porterà, nelle varie difficoltà che incontra questa coppia, a situazioni non molto facili e ad epiloghi non molto felici».

LA FORZA DEL COMUNICARE. Un testo che dovrebbe servire da insegnamento e che andrebbe letto tanto dalle donne quanto dagli uomini. «Se volessimo trovare una spiegazione a tutto quello che sentiamo oggi in televisione e leggiamo sui giornali ci renderemmo conto che basterebbe un’educazione al dialogo e all’espressione verbale adeguata e corretta, nel rispetto dell’altra persona. Ma non è solo questo il tema principale – aggiunge. Il libro è un invito a riflettere anche sulla dipendenza affettiva. Entrambi i protagonisti, infatti, sono vittime di dipendenza affettiva nei riguardi dei genitori, che spinge a chiedersi che peso hanno e dovrebbero avere i genitori nella propria vita e nella vita che ci creiamo».

Con i suoi due figli, un maschio e una femmina, Letizia Di Benedetto ha cercato di impostare un dialogo scevro da questo tipo di problematiche, per evitare quei problemi a cui era andata incontro da figlia, prima che da madre. «Ho fatto tesoro delle mie esperienze personali per non ripetere gli stessi errori, e credo di esserci riuscita o comunque di aver fatto del mio meglio».

DONNE MA NON SOLO. Se da una parte il nuovo romanzo, disponibile in libreria e online, è stato pubblicato ufficialmente il 27 dicembre e sta ancora girando per il tour, dall’altra ci sono già due storie nuove da scrivere in cantiere. Esperienze che ancora una volta riguardano l’universo femminile, ma destinate a un pubblico variegato. «Non vorrei che i miei romanzi fossero considerati “per le donne” – sottolinea la scrittrice – perché offrono diversi spunti anche per un ragazzo che, leggendoli, può entrare in contatto e comprendere certe tematiche, aprendo la propria mente e sensibilizzandosi su alcuni aspetti di cui non ha ancora percezione. E leggendo determinate storie – conclude – può capire come alcuni atteggiamenti non siano da considerare “giusti” o “normali”. E prendere coscienza di un problema, ne sono convinta, è già l’inizio della sua risoluzione».

Il nostro impegno è offrire contenuti autorevoli e privi di pubblicità invasiva.
Sei un lettore abituale del Sicilian Post? Sostienilo!

Fai una donazione libera

Preferiresti fare un bonifico? Inviaci una mail per richiedere le nostre coordinate bancarie

Print Friendly, PDF & Email