Quando vivi lontano dalla Sicilia, non puoi fare a meno a di rimpiangere il sole che ti riscalda o le melanzane della nonna. Poi, però, ti accorgi che la tua nuova comfort zone è fatta di umidità, baozi e mini botteghe nei sottoscala. Di avventure giornaliere e nuove, affascinanti abitudini

Non ti manca casa?” È la terza domanda che mi fanno più spesso dopo “ma i cinesi mangiano i cani?” e “ma i cinesi non muoiono mai?”.

Quando vivi in Cina quello che ti manca è l’odore dei vestiti puliti, quell’odore che sa di fresco, quando cambi le lenzuola o prendi i vestiti da dentro un cassetto e un’ondata di profumo ti stordisce. Quel profumo che sa di casa, di famiglia e di sicuro. Non perché in Cina non lavi i vestiti, ma vuoi mettere i vestiti lavati con amore da mamma tua?

Quando vivi in Cina quello che ti manca è la giornata di sole e il cielo azzurro. Quell’azzurro che ti acceca e il sole che ti riscalda, asciugando l’umidità che hai nelle ossa. Respirare a pieni polmoni e percepire un calore tiepido e confortevole.

Skyline di Jefangbei, distretto finanziario di Chongqing
Skyline di Jefangbei, distretto finanziario di Chongqing

Quando vivi in Cina quello che ti manca è il “pacco da giù”, quello degli studenti fuori sede carico di cibarie che basterebbero a nutrire un esercito di quarantatré mesi. Che il “pacco da giù” per arrivare in Cina ci mette tre mesi di navigazione attorno a ventisette continenti e comunque le melanzane sott’olio di nonna le fermano alla dogana insieme a prosciutti e provole.

Quando vivi in Cina quello che ti manca è la tua comfort zone.

Dopo un anno di Cina torni finalmente a casa però quello che ti manca, adesso, è la Cina. Mettersi sempre in gioco, le sfide giornaliere, le amicizie che hai stretto. Uscire senza meta e perdersi. Perdersi e scoprire nuove strade che portano a casa. Scoprire una Cina caotica e viva, piena di sapori forti e colori. Le strade con il loro continuo via vai di persone. Il caos della metropolitana, il traffico, le file interminabili, i pisolini. Ti manca il proprietario del negozietto dove vai a comprare un baozi prima di tornare a casa la sera. L’aria calda che sembra quasi farti soffocare. Il freddo gelido che ti paralizza e la pioggia improvvisa. L’umidità perenne. Lo skyline sul fiume e le mini botteghe nei sottoscala. I tuoi colleghi e i condomini. Il postino che quando non capisce le scritte dei pacchi già sa che dovrà consegnarli all’unica straniera che vive lì, nella sua zona.

Che adesso quella è anche zona tua.

Il nostro impegno è offrire contenuti autorevoli e privi di pubblicità invasiva.
Sei un lettore abituale del Sicilian Post? Sostienilo!

Fai una donazione libera

Preferiresti fare un bonifico? Inviaci una mail per richiedere le nostre coordinate bancarie

Print Friendly, PDF & Email