Il primo è l’eroe tv dei due mondi (terrestre e digitale), il barese fa record d’incassi con il film “Tolo Tolo”, i palermitani stravincono le “Star Wars” natalizie al cinema. Sono l’immagine di un Meridione che piace e conquista simpatie. Liberato dal trito e ritrito codice della mafia, è un Sud diverso, ironico, colto e popolare, moderno e antico allo stesso tempo. E non è più Napoli la capitale culturale di questo Regno delle due Sicilie

Fiorello eroe televisivo dei due mondi (quello terrestre e quello digitale) sulla scia della straordinaria performance con VivaRaiPlay; Ficarra e Picone trionfatori delle “Star Wars” natalizie, sbancano il botteghino e sbaragliano il cinema hollywoodiano con il film “Il primo Natale”; Checco Zalone recordman con “Tolo Tolo”, incassa in un solo giorno quasi 9 milioni di euro (un dato migliore persino rispetto a “Quo vado?”, il suo film del 2016 che incassò alla fine circa 65 milioni di euro).

Sono l’immagine di un Sud vincente, che piace e conquista simpatie. È un Meridione liberato dal trito e ritrito codice della mafia, nuovo, diverso, ironico, colto e popolare, moderno e antico allo stesso tempo. E non è più Napoli la capitale culturale di questo Regno delle due Sicilie. Sono Palermo, Bari, Messina.

“Sicilianamente pirandelliano, uno nessuno e centomila”, come è stato scritto, Fiorello ha sdoganato la sua terra e il suo dialetto nel mondo dello spettacolo alla stregua di Andrea Camilleri in letteratura

Fiorello in Viva Rai Play
Fiorello e il suo show Viva Rai Play

Protagonisti di questa rivoluzione culturale sono artisti freschi e simpatici. Che hanno saputo amalgamare le proprie radici con modelli di altre provenienze. “Sicilianamente pirandelliano, uno nessuno e centomila”, come è stato scritto, Fiorello ha sdoganato la sua terra e il suo dialetto nel mondo dello spettacolo alla stregua di Andrea Camilleri in letteratura. Fiorello è l’italiano perfetto: sa fare molte cose benissimo, magari senza 10 in pagella, ma con una sfilza di 8. E una faccia da ex compagno di classe che piace a tutti, sempre. La “Fiorello generation” non ha età, non ha barriere sociali, non ha connotazioni socioeconomiche, è un modo di affrontare la vita: una canzone, una risata, un approccio alla comicità. È un fenomeno trasversale. Che riesce a mettere insieme Mike Bongiorno e Walter Chiari. Assomiglia a entrambi, perché come loro è bravo nel farci credere di improvvisare davanti alla telecamera, quando invece propone numeri già collaudati.

“Il primo Natale” affonda le radici nella fiaba alla Roberto Benigni e Massimo Troisi di “Non ci resta che piangere”, ma anche nei cinepanettoni dei Boldi e De Sica di “A spasso nel tempo”

Ficarra e Picone sembrano due corpi da cartoon, amabilmente imbranati alla Stanlio e Ollio, ma con la flemma tipica dei palermitani e del maestro Pino Caruso. Per loro stessa ammissione, il film “Il primo Natale” affonda le radici nella fiaba alla Roberto Benigni e Massimo Troisi di “Non ci resta che piangere”, ma anche nei cinepanettoni dei Boldi e De Sica di “A spasso nel tempo”. Salvo e Valentino giocano con il bello e il brutto del nostro Paese e, come nel caso di Fiorello, la loro comicità non è mai volgare, offensiva, grossolana, banale, irrispettosa. Gag e battute “rubate” nei bar, che costituiscono l’economia della Sicilia, s’intrecciano con una poetica misurata e gentile e con il racconto della Natività in una struttura più complessa e stratificata rispetto ai loro precedenti film.

Zalone è una nuova maschera della commedia dell’arte in continua metamorfosi: prende e assorbe tutto bulimicamente per rovesciarlo nella dimensione dello sberleffo

Checco Zalone - Tolo Tolo
Checco Zalone in “Tolo Tolo”

Checco Zalone fa camminare a braccetto Adriano Celentano e Lino Banfi, ma nel suo ultimo film “Tolo Tolo” li fa accompagnare da Ettore Scola e Alberto Sordi. Sdogana la volgarità, il politicamente scorretto, la Puglia. È una nuova maschera della commedia dell’arte, ma mentre le maschere tradizionali sono fisse su un’unica parte, condannate a un unico tono, quella di Zalone è in perenne metamorfosi, prende e assorbe tutto bulimicamente per rovesciarlo nella dimensione dello sberleffo. Senza dimenticare le buone letture, come “Se questo è un uomo” di Primo Levi, dove si legge che «la convinzione (che ogni straniero è nemico) giace in fondo agli animi come una infezione latente» pronta a venire a galla nei momenti di difficoltà. «Come con la candida», chiosa Zalone che non può evitare la battuta.

Il Sud che piace è quello che non c’è più, è quello che abita la credenza dei ricordi, è quello del presepe e dei cannoli di Ficarra e Picone, sono i buoni sentimenti e l’umanità

Il Sud dei nostri quattro eroi è un po’ vintage: «il suo incanto, la sua magia, è nella sua dimensione di favola riferita a un tempo trascorso o immaginario», scrive Marcello Veneziani. Gli show di Fiorello come le gag di Zalone evocano modi di dire, di fare, di cantare di un tempo. E il sentimento come la comicità che suscitano, nascono proprio nello stridore tra quelle espressioni di una volta e il nostro modo di vivere oggi. Il Sud che piace è quello che non c’è più, è quello che abita la credenza dei ricordi, è quello del presepe e dei cannoli di Ficarra e Picone, sono i buoni sentimenti e l’umanità. Magari con un pizzico di cinismo, che è tipico del meridionale. Ma sempre per sdrammatizzare. Perché, al Sud, non ci resta che ridere.

Il nostro impegno è offrire contenuti autorevoli e privi di pubblicità invasiva.
Sei un lettore abituale del Sicilian Post? Sostienilo!

Fai una donazione libera

Preferiresti fare un bonifico? Inviaci una mail per richiedere le nostre coordinate bancarie

Print Friendly, PDF & Email