Dopo due anni di stop sono tornati a darsi appuntamento – questa volta sotto il sole della Sicilia – le radio e le redazioni del circuito Raduni, l’associazione degli operatori radiofonici universitari.

Per la seconda volta, la città e l’Ateneo di Catania hanno ospitato il Festival delle Radio Universitarie (FRU), un evento che riunisce centinaia di ragazzi e ragazze da tutta Italia accomunati dalla stessa passione: la radiofonia. A fare da filo conduttore tre temi: musica, informazione e sostenibilità.

E proprio l’informazione è stata al centro dell’incontro dal titolo “Il mestiere del giornalista: il mito dell’imparzialità”. Il dibattito è stato condotto da Simone Pavesi e Renata Giordano, rispettivamente capo progetto e direttrice editoriale di Europhonica Italia, il format internazionale di RadUni nato nel 2015 con lo scopo di raccontare l’Europa in modo semplice e accessibile. Ospiti d’eccezione il giornalista e speaker radio Danilo De Biasio e Mihaela Gravila, docente di Teorie e tecniche della TV e responsabile di RadioSapienza, i quali hanno dibattuto insieme ai presenti sulla funzione e le sfide del giornalismo nella contemporaneità, tra digital, pandemia e guerra.

L’incontro è partito da una domanda: esiste l’imparzialità nel giornalismo?

La risposta – negativa – la dà De Biasio: «Sono i fatti a non essere neutri, non i giornalisti. Ma questo non significa essere partigiani, nel senso di parteggiare per una parte politica». A questo punto Gravila ha introdotto il concetto di “responsabilità” legato alla figura del giornalista, che deve in primis raccontare i fatti per poi eventualmente aggiungere un commento personale. Responsabilità e competenza sono le due chiavi per un giornalismo di qualità, «che si ritrova tuttavia a fare i conti con la complessità del reale e delle fonti, con l’esigenza di arrivare per primi ma di essere anche giusti», continua la relatrice.

Il concetto di imparzialità ne evoca un altro molto diffuso nel mondo giornalistico: quello della par condicio, fortemente strumentalizzata soprattutto in tempi di guerra come quelli che stiamo vivendo. «Coniugare libertà d’espressione e responsabilità non è sempre facile» ammette Gravila, ma è il dovere del giornalista che «deve saper contrapporsi al suo interlocutore nel momento in cui questo cita un dato mendace» rilancia De Biasio. Un giornalismo fedele alla sua missione etica è quello che non insegue la par condicio a tutti i costi – concordano i due ospiti – ma che coltiva l’infodiversità: il dialogo delle voci e di punti di vista contrastanti che possano accrescere la conoscenza generale del mondo.

A chiudere l’incontro è stato infine il ricordo di Antonio Megalizzi ad opera di Guglielmo Finotti, Ambasciatore della Fondazione che oggi continua a portare avanti il sogno del giovane giornalista, membro della redazione di Europhonica, rimasto vittima dell’attentato di Strasburgo: formare e informare cittadini europei consapevoli e dotati di spirito critico.

Il nostro impegno è offrire contenuti autorevoli e privi di pubblicità invasiva.
Sei un lettore abituale del Sicilian Post? Sostienilo!

Fai una donazione libera

Preferiresti fare un bonifico? Inviaci una mail per richiedere le nostre coordinate bancarie

Print Friendly, PDF & Email