I cartelloni teatrali di tutto il mondo stanno subendo rilevanti modifiche con spettacoli annullati, sospesi, rinviati, o addirittura ripensati in virtù delle restrizioni dettate dall’emergenza sanitaria. Il Teatro Stabile di Catania, da sempre punto di riferimento per la città s’impegna a trasformare una difficoltà temporanea in un’opportunità per proporre nuove soluzioni da affiancare alle forme consuete dello spettacolo dal vivo. Questo il caso di Baccanti, uno spettacolo pensato e diretto per essere fruito in sala che si è però avvalso del digitale per connettersi con il pubblico e per sperimentare nuove frontiere artistiche all’insegna dell’integrazione spazio-temporale. Fu proprio la direttrice del teatro, e regista dello spettacolo, Laura Sicignano a dichiarare durante la conferenza stampa della nuova stagione “Energie” che «la perseveranza dell’artista scavalca le montagne» e che «nonostante la miseria, nonostante la peste, nonostante la guerra, il teatro si è sempre fatto». Da qui la scelta di debuttare con il testo euripideo in una sala vuota alla riconquista di uno spazio vitale condiviso e di una vicinanza emotiva con il pubblico. Non a caso il protagonista assoluto della tragedia euripidea è Dionisio, il dio del teatro, delle metamorfosi e della follia, il cui grido risuona forte suscitando tra i fedeli entusiasmo ed estasi.

Echi di questi stati d’animo permeano la produzione di Baccanti che con un cast di 10 interpreti siciliani propone i temi della fragilità umana e delle passioni dell’anima in una chiave eversiva, quasi demoniaca. Donne malefiche, dominate da movimenti convulsi e a tratti mostruosi, invadono lo spazio scenico, sovvertendo l’ordine sociale, politico e morale stabilito da Penteo, re di Tebe (Vincenzo Pirrotta). La reggia, fulcro della scena, non conserva nulla di regale, ospita invece uno scenario desolante, grigio e asettico. La figura umana e la voce che la abita sono soggette a continue trasformazioni: le baccanti da streghe mutano in impeccabili inservienti, Penteo da pretenzioso uomo in smoking in preda dilaniata, Tiresia e Cadmo da vecchi saggi in vecchi amorali, Agave da feroce cacciatrice in madre addolorata, e infine Dionisio (Manuela Ventura), da ambiguo straniero in dio crudele e invincibile. La trance dionisiaca alterna momenti di silenzio a momenti di forte tensione sonora, in cui il delirio assordante è scandito dall’incalzare della musica elettronica (Edmondo Romano) e dal testo, arricchito di citazioni filosofiche e letterarie nell’adattamento e nella traduzione firmati dalla regista insieme ad Alessandra Vanucci. La fruizione in digitale rende invece più difficoltoso ammirare il disegno luci (Gaetano La Mela), le scene e i costumi (Guido Fiorato) che aspettano di essere apprezzate dal vivo nella loro totalità.

Ma, in definitiva, è al presagio pronunciato da Tiresia che vogliamo affidare le nostre speranze per il futuro: «Tutto si trasforma e nulla si annichila. Il tempo tutto toglie e tutto dà. Ogni cosa marcisce e poi rifiorisce». Varrà anche per il teatro? È solo questione di tempo prima che tornino il contatto, il gioco, la relazione e l’incontro?

di Euripide
traduzione e adattamento di Laura Sicignano e Alessandra Vannucci
regia Laura Sicignano
con Vincenzo Pirrotta
e con Egle Doria, Alessandra Fazzino, Giorgia Coco, Silvio Laviano, Filippo Luna, Franco Mirabella, Silvia Napoletano, Edmondo Romano, Manuela Ventura
scene e costumi Guido Fiorato
movimenti di scena Ilenia Romano
luci Gaetano La Mela

video e suono Luca Serra
produzione Teatro Stabile di Catania

Il nostro impegno è offrire contenuti autorevoli e privi di pubblicità invasiva.
Sei un lettore abituale del Sicilian Post? Sostienilo!

Fai una donazione libera

Preferiresti fare un bonifico? Inviaci una mail per richiedere le nostre coordinate bancarie

Print Friendly, PDF & Email