Una raccolta di post apparsi sulla nota pagina satirica ha ottenuto in poche ore migliaia di condivisioni e commenti indignati. Peccato che si tratti di un’operazione di cattivo gusto ad opera di profili “troll”

[dropcap]“[/dropcap][dropcap]P[/dropcap]er il cenone di Capodanno abbiamo siciliani arrostiti!”. A scriverlo è Sabrina Saby Candolfi: 178 amici, profilo attivo da settembre 2018 con una foto che ricorda quello di una nota showgirl campana. A lei si aggiunge Irina Fanaloff, ucraina di Kiev con residenza a Roma, scatenata attraverso numerosi post tra i quali: “Per le prossime scosse speriamo cadano tutti i ripetitori delle compagnie telefoniche. DEVONO MORIRE chiedendo aiuto sti fetosi”, o “Adesso capisco perché tra Napoli e Catania c’è il gemellaggio… se i miei calcoli sono giusti adesso tocca a Napoli. Terremoto dove sei?”. Peccato che come immagine profilo usi una fotografia di “depositphotos” (con tanto di logo!), alla quale si può risalire nella barra di ricerca cercando “gas mask woman”.

È così che questi e molti altri screen tratti dalla pagina satirica La clinica delle risate hanno fatto il giro del web nell’indignazione generale.
“Terremoto ed eruzione in Sicilia chiamasi selezione naturale” – si intravede tra un post e l’altro – “Anche la natura si ribella a questo popolo di meridionali incivili”. Questa “raccolta” ha ottenuto in poche ore 4.395 condivisioni e oltre 400 commenti contrariati, prima che su Facebook, pagine, gruppi, e persino qualche testata online riferissero di “gravissimi insulti e messaggi anti-siciliani”!, con quasi 40.000 re-post.

TROLL E SHITSTORM: DI COSA SI TRATTA? Tutto ha inizio dalla denuncia e dalla condivisione da parte di un utente Facebook dei contenuti appartenenti alla notoriamente dissacrante pagina di quasi 90.000 membri, che come regole ha sempre avuto “gentilezza e cortesia”, “nessuna attività di incitazione all’odio o al bullismo”, “no spam”, ma che improvvisamente – a partire dagli ultimi giorni del 2018 – ha cambiato i suoi principi in “Non si segnalano né i post né i profili, citate sempre un admin”, oltre che l’immagine di copertina con la dicitura “Shitstorm è religione”. Ma cos’è esattamente una Shitstorm? Letteralmente in italiano “tempesta di escrementi”, si è configurata negli anni come una delle pratiche più deleterie all’interno dei social media finendo spesso per essere associata al “furto” di gruppi su Facebook. In merito a questo fenomeno, Il sito della Polizia Postale riporta questa prassi: “Viene clonato un account di uno degli amministratori del gruppo e viene richiesto, con una scusa banale, ad un altro degli amministratori di aggiungerlo nuovamente. Una volta entrato nell’account, il finto amministratore procede alle eliminazioni, aggiungendo i propri complici per avere, quindi, il totale controllo del gruppo in questione”.

Da quel momento, ha inizio quella che in gergo è definita una “trollata”, ovvero una serie di azioni volte a provocare e insultare gli utenti di una comunità virtuale, talvolta mediante una serie di pubblicazioni di post offensivi o volgari e arricchiti – come in questo caso – da discriminazioni di tipo territoriale (spesso contro il Meridione) e razziale.
C’è da aggiungere  che uno dei nuovi amministratori de La clinica delle risate si chiami proprio “Shitstorm” e che sul suo profilo principale, alla fine del mese scorso abbia indetto una vera e propria gara: un “troll contest!”.

DAI TROLL ALLA FLAME.  A commentare e alimentare i post oltraggiosi contro il popolo siciliano, in quella che è possibile definire come un’autentica flame (dall’inglese “fiamma”, un’ondata di offese verso un gruppo di individui), oltre a Sabrina Saby Candolfi e Irina Fanaloff, si annoverano Marco Pertini che proprio ieri “ha condiviso il suo primo post sul gruppo”, e il buon Ale Alpaca, addirittura “iscritto a Facebook nel dicembre 2018”…Senza dimenticare Achille Tallone (un nome una garanzia), newyorkese che vive a Milano che scrive come il terremoto “Sarà l’evento storico del 2019! Catania ed Ariano Irpinio (in realtà trattasi di Ariano Irpino, località campana n.d.r.) un bel 8.0 di 15 secondi e ce ne liberiamo completamente”, oppure “Non è giusto prendersi gioco dei siciliani durante il terremoto se non ci sono state vittime. Auspichiamoci scosse più forti!”.
Qualche utente finalmente ci arriva: “Ma fate fatica a capire che sono troll? Dai, ACHILLE TALLONE!”.

Insomma, un paio di troll con 5-6 profili falsi appena creati hanno prodotto e alimentato “flame” attraverso una decina di messaggi di odio contro i meridionali con una (neanche tanto velata) operazione di “shitstorm”, prendendo mezza Sicilia per i fondelli.
La prossima volta, prima di scatenare una guerra contro “quelli del nord brutti e cattivi che ci vogliono male”, sarebbe meglio fare un po’ più di attenzione. In fondo l’aveva detto Massimo d’Azeglio quasi 160 anni fa: «Abbiamo fatto l’Italia. Ora si tratta di fare gli italiani».

Il nostro impegno è offrire contenuti autorevoli e privi di pubblicità invasiva.
Sei un lettore abituale del Sicilian Post? Sostienilo!

Fai una donazione libera

Preferiresti fare un bonifico? Inviaci una mail per richiedere le nostre coordinate bancarie

Print Friendly, PDF & Email