È da un paio di anni, ormai, che le mie letture di piacere sono sempre più dedicate alle storie per bambini. Fiabe, albi illustrati, grandi classici della letteratura mondiale: appena trovo il tempo, è a loro che mi rivolgo per trovare ispirazione, per imparare qualcosa, per viaggiare con la fantasia.

Per una quasi-trentenne che lavora nel mondo editoriale e che ama autori del calibro di Bolaño, Faulkner e Perec, può sembrare strano, quasi puerile, eppure mi sono resa conto che di fatto è tutto il contrario. È nella letteratura per l’infanzia che non manca mai la profondità, l’ampiezza di vedute, l’apertura mentale. È lì che si nascondono, fra incantesimi e metamorfosi, le grandi questioni irrisolte dell’esistenza umana, con le loro contraddizioni e il loro fascino intramontabile.

L’ho trovata così ricca, questa produzione, e così sorprendentemente matura, da farmi pensare che forse tutti gli adulti dovrebbero leggere più opere cosiddette “per bambini”, oltre a essere i bambini a dover imparare a leggere certe storie per adulti. Come se i due mondi fossero sempre in comunicazione, in contatto, e riuscissero a parlarsi quasi solo attraverso la parola scritta.

L’ho sperimentato con Il mago di Oz di L. F. Baum, con Le avventure di Pinocchio di Carlo Collodi, con Peter e Wendy di J. M. Barrie. E ora mi è sembrato di capirlo ancora più a fondo sfogliando le Favole di Jean de La Fontaine illustrate da Rébecca Dautremer e portate in Italia da Terre Di Mezzo Editore, nella brillante traduzione di Eleonora Armaroli.

Qui la faccenda si complica, perché siamo davanti a un editore di libri per bambini che pubblica un testo moralistico concepito in realtà per gli adulti dell’alta società francese del 1600, camuffato all’epoca da compendio allegorico e quasi infantile, e accompagnato ora dalle immagini di una gigantessa della letteratura illustrata per ragazzi.

È inevitabile, insomma, che venga da chiedersi per chi siano davvero queste favole. Se si rivolgano ai genitori in grado di cogliere la satira politica e le allusioni, o ai bambini che apprezzano le rime e i protagonisti a quattro zampe. Se parlino di un passato ormai lontanissimo, o se si stiano riferendo ancora, in qualche modo, al nostro presente.

E la verità è che tutte le alternative sono possibili, e che Terre di Mezzo Editore ha colto nel segno, offrendoci uno scrigno di tesori adatti a grandi e piccini, al mondo di ieri e a quello di oggi, a me che amo le incursioni nell’immaginario dell’infanzia e a chi nel tratto onirico ed essenziale di Rébecca Dautremer legge le manie, i vizi e le storture degli adulti con cui si interfaccia ogni giorno.

“A pensarci è proprio assurdo”, scrive in merito l’illustratrice in apertura di volume, evidenziando fra le altre cose il legame che c’è fra animali ed esseri umani, e riflettendo sulle tante domande che ancora si pone chi legge queste favole a qualunque età. “Direi che questo tizio, La Fontaine a quanto pare, è riuscito abbastanza bene nel suo intento…  voi che dite?”.

E la risposta, per una volta, sembra trovarsi già a fior di labbra senza che sorga il minimo dubbio – a meno che non siate anche voi come quel cane che scambia la realtà con i sogni, ma questa è un’altra storia, che troverete raccontata fra corvi, agnelli, lupi e volpi se vi capiterà di sfogliare questo mirabolante volume.

Il nostro impegno è offrire contenuti autorevoli e privi di pubblicità invasiva.
Sei un lettore abituale del Sicilian Post? Sostienilo!

Fai una donazione libera

Preferiresti fare un bonifico? Inviaci una mail per richiedere le nostre coordinate bancarie

Print Friendly, PDF & Email