«L‘immaginazione fa parte dell’essenza dei bambini. Sono i grandi che tendono a offuscarla. Il nostro progetto vuole risvegliare il bambino che è nell’adulto, così che entrambi possano esser in perfetta sintonia». Cosa succede quando si mettono insieme musica, videomapping e delle marionette “ecosostenibili”? A dare risposta a questa domanda vuol essere il progetto siciliano “Angolo Giro”, che proporrà – assieme a “Cartura” e “Sulla Luna” – il prossimo 5 marzo al Teatro Garibaldi di Enna lo “spettacolo inevitabile”, una proposta multisensoriale per giovani e adulti di tutte le età. In occasione dell’evento abbiamo scambiato qualche parola con Doris Di Nicola, voce e penna del gruppo, che ci ha parlato di questo progetto e della “Musica per capi colorati” degli AngoloGiro.

Come nasce e cos’è il progetto AngoloGiro?
«AngoloGiro è un nome paradossale perché questo comprende tutti i punti del piano, ma in realtà non è un angolo, bensì un cerchio. Il nostro è un gruppo musicale nato a Bologna da un gruppo di amici nel 2008. Volevamo realizzare una musica che attraversasse tutti i generi, dal jazz al reggae. Abbiamo iniziato con alcuni pezzi composti da me, e così il progetto è andato avanti».

Doris Di Nicola e Carmelo Venuto durante una esibizione degli AngoloGiro

Da Bologna a Catania: come mai avete scelto di trasferirvi in Sicilia?
«Più che altro a motivarci è stata la decisione di mettere su famiglia: Carmelo – che oltre a essere il contrabbassista del gruppo è anche il mio compagno di vita – è siciliano ed è stato naturale voler mettere radici qui. A Catania il progetto ha avuto subito successo, grazie anche alla collaborazione con “Cartura” e al fatto che Carmelo suona in tantissimi altri progetti. Nel 2010 abbiamo registrato il nostro primo disco, “Tutte le direzioni”, che ha venduto circa un migliaio di copie e ora siamo al lavoro sul nostro secondo album»

A chi si rivolge il vostro progetto?
«Ai bambini veri e ai bambini che vivono negli adulti. Fondamentalmente da musicisti vorremmo solo suonare, non ci interessa tanto avere un seguito mediatico, ma il rapporto con il pubblico è molto importante. La musica è per noi uno scambio, è aria che si muove e che risuona nelle crepe di ognuno di noi.

 Quindi i tuoi testi nascono dalle tue crepe?
«Sì, assolutamente. Non ho la chiave per la risoluzione dei problemi della vita. Nei testi parlo delle mie crepe e le riempio cantando le canzoni agli altri, con l’aria che loro mi restituiscono».

Il nostro impegno è offrire contenuti autorevoli e privi di pubblicità invasiva.
Sei un lettore abituale del Sicilian Post? Sostienilo!

Fai una donazione libera

Preferiresti fare un bonifico? Inviaci una mail per richiedere le nostre coordinate bancarie

Print Friendly, PDF & Email