Sempre caro mi fu quest’ermo colle,

e questa siepe, che da tanta parte

dell’ultimo orizzonte il guardo esclude.

Ma sedendo e mirando, interminati

spazi di là da quella, e sovrumani

silenzi, e profondissima quiete

io nel pensier mi fingo, ove per poco

il cor non si spaura.

(…) Così tra questa

immensità s’annega il pensier mio:

e il naufragar m’è dolce in questo mare.

Giacomo Leopardi

Sull’ermo colle della pandemia e dinanzi a questa siepe dell’incertezza si può scegliere se restare a guardare l’impedimento o figurarsi una visione nuova della scuola. Quando se ne parla, spesso lo si fa guardando agli aspetti economici, organizzativi e relativi alla prevenzione, ma tutto ciò può bastare? Attenzione, non si tratta di cercare ancora fondi, di dare altre indicazioni operative e fissare ulteriormente le misure anti-contagio; non basta che, pur potendo sfruttare la crisi di questo tempo per “cambiare” la scuola, ci si fermi solamente a quanto detto sopra! Insomma, le scelte politiche ed economiche di questi giorni nascono per un bisogno immediato e, purtroppo, solo in piccola percentuale per una scommessa sul sistema formativo ed educativo, per una progettualità; finito il bisogno, si spegneranno i riflettori, si chiuderanno i rubinetti e si tornerà alla scuola di sempre, che non pare piacesse a molti! Ripensare la scuola, la significatività di essa per i singoli e la società, l’impronta da lasciare per l’immediato futuro di ogni studente e del nostro Paese, il ruolo dei docenti, la dimensione educativa, la riflessione culturale, non possono essere legati al bollettino della Protezione Civile o alle dichiarazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità! Mentre la ricerca scientifica in ambito sanitario è chiamata a trovare la medicina efficace e il vaccino risolutivo, perché non pensare ad una ‘ricerca scientifica’ in ambito scolastico che punti su una cura per una scuola buona culturalmente e umanamente, e su un vaccino che la renda desiderabile e appassionante, coinvolgente e creativa, dove possa essere dolce naufragar?

Il nostro impegno è offrire contenuti autorevoli e privi di pubblicità invasiva.
Sei un lettore abituale del Sicilian Post? Sostienilo!

Fai una donazione libera

Preferiresti fare un bonifico? Inviaci una mail per richiedere le nostre coordinate bancarie

Print Friendly, PDF & Email