Sicilian Stories: la mostra che mette al centro la visione dei giovani

 -  - 


L’esposizione rappresenta uno dei progetti più innovativi realizzati dal Sicilian Post sulle pagine del quotidiano La Sicilia. Allestita presso il Monastero dei Benedettini, raccoglie la sfida di un’intera generazione desiderosa di essere ascoltata e sarà visitabile fino al 24 ottobre

Stateci a sentire. È questa la prima sezione che apre la mostra Sicilian Stories, realizzata dal Sicilian Post in partnership con Bruno Euronics. L’esposizione di alcune delle pagine curate dalla redazione under 35 del Sicilian Post e pubblicate sul giornale La Sicilia ogni mercoledì dal 21 novembre 2018, intende raccontare i desideri e le paure di una generazione inascoltata. Le pagine in mostra sono frutto di una collaborazione ormai annuale che vede l’isola siciliana trasformarsi in fucina di giornalismo, sperimentando un’esperienza unica in Italia. Per la prima volta, infatti, un giornale on line si confronta con un giornale cartaceo, mettendosi in discussione e confrontandosi con un pubblico spesso diverso da quello del web. La mostra è stata inaugurata giovedì 10 ottobre presso il Corridoio dell’Orologio del Monastero dei Benedettini di Catania, alla presenza dei due curatori, Giorgio Romeo e Giulia Imbrogiano, del visual designer Turi Distefano e del direttore del giornale La Sicilia, Antonello Piraneo. L’inaugurazione si inserisce nel ricco programma di eventi pubblici previsti dal workshop “Il giornalismo che verrà”, organizzato dal Sicilian Post e dalla Fondazione DSe in collaborazione con il Dipartimento di Scienze Umanistiche e la Scuola Superiore di Catania.

IL MANIFESTO DEGLI “SDRAIATI”. Sicilian Stories non è un semplice percorso espositivo, ma il manifesto di una generazione che si interroga sui problemi della contemporaneità e che intende investire sul territorio in cui si è formata, stabilendo un circolo virtuoso di competenze e saperi. L’esposizione di 15 pagine, pubblicate tra il 21 novembre 2018 e il 3 luglio 2019, intende da una parte informare la cittadinanza che un fermento sta scuotendo la generazione degli “sdraiati” e dall’altra porre interessanti questioni sul destino del giornalismo nell’era dell’informazione social e delle fake news. Il percorso espositivo è diviso in 4 sezioni e propone alcune delle tematiche maggiormente trattate dalla redazione Sicilian Post: giovani, migrazioni, tecnologia e Sicilia. Fil rouge delle 4 aree tematiche è la prospettiva sempre giovanissima, quella di una redazione under 35, un approccio innovativo alla notizia, che trasforma la cronaca in spunto per articoli di approfondimento e l’unione tra la carta e il web attraverso l’uso dei Qr code. L’obiettivo è quello di scuotere l’indifferenza del visitatore e costringerlo ad interrogarsi sulle prospettive di un Paese che non è per giovani. La mostra sarà visitabile gratuitamente fino al 24 ottobre 2019.

6 recommended
comments icon 0 comments
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *