In Sicilia sono spariti i manifesti elettorali. E quei pochi che sono rimasti risalgono al Referendum sulle trivelle. Niente più santini col faccione del candidato, niente porta a porta, niente palchi e bandiere sventolanti

Alle amministrative del 2012, ci aveva appassionato – e un po’ stranito – il “comizio senza pubblico” del candidato al comune di Catanzaro Francesco Nocera. Oggi ci appare del tutto normale vedere immagini come quelle del “candidato solitario” di CasaPound a Bologna, Filippo Berselli, munito di megafono a bordo di una vecchia Land Rover con al seguito unicamente un ciclista solitario, peraltro intento a inveirgli contro. In fondo, con una legge elettorale che non permette agli elettori di indicare alcuna preferenza, e i candidati già scelti dai partiti – ha fatto discutere, ad esempio, la scelta di “piazzare” Maria Elena Boschi all’uninominale a Bolzano e in cima a tre collegi del proporzionale in Sicilia – una gigantografia strategicamente posizionata al centro della piazza di paese non ha più senso.

Catania: un vecchio manifesto sul tema delle trivelle negli spazi deputati ad accogliere la propaganda delle elezioni 2018 (foto Giuseppe Tiralosi)

GIOVANI E POLITICA. LA CHIAVE SONO I SOCIAL NETWORK? Così, in una campagna elettorale i cui unici volti ammessi (e necessari) sono quelli dei leader, appare chiaro come i candidati abbiano scelto di puntare sui social network e sull’elettorato giovanile. Il nostro report sulla “Generazione 18”, ha messo in evidenza come ai diciottenni di oggi dei manifesti elettorali interessi poco o nulla: non frequentano le sezioni giovanili dei partiti tradizionali e discutono di politica solo tra le mura domestiche e a scuola. E proprio loro, a poche ore dal voto, rappresentano la fascia più cospicua di “indecisi”. Aggiungiamoci la dichiarata incertezza post-voto che potrebbe portare a nuove elezioni. È forse per questo motivo che sono spariti dalle piazze gli “appelli al voto”, mentre si sono moltiplicati i commenti ad avvenimenti lontani dalla politica: tra un’ospitata televisiva e l’altra, ad esempio, Matteo Salvini ha discettato di musica con i suoi follower commentando il Festival di Sanremo col tweet: «#Sanremo2018 mi è piaciuto. Sanremo per me è Luigi Tenco, De André, Vasco Rossi», citandoli anche un po’ a sproposito se pensiamo che Tenco si è suicidato protestando contro il sistema del Festival, De André non ha mai partecipato, e Vasco si è piazzato all’ultimo posto.

LA POLITICA A COLPI DI LIKE. La carta e le affissioni costano, il mezzo televisivo è un’arma a doppio taglio quando è presente un contradditorio che si rispetti, mentre i social media si configurano come luoghi in cui gli utenti/elettori si trasformano da content-readers a content-publishers, formando quella nicchia di pubblico che Chris Anderson in un articolo del 2004 su “Wired Magazine” ha definito “la coda lunga”. Guardando all’universo politico americano, Obama fu il primo a sfruttare le potenzialità del web mettendo in piedi una macchina mediatica senza precedenti: Twitter, Facebook, MySpace, YouTube e persino Yahoo Answer, divennero centri nevralgici dell’attività politica in rete da parte dei democratici. Il profilo twitter @BarackObama, lanciato il 5 marzo 2007, propose concetti semplici ed efficaci in 140 caratteri e fece spesso uso dell’hashtag #AskObama per interagire direttamente con gli utenti. Col passare del tempo – insieme a @POTUS, il profilo ufficiale della Casa Bianca – l’account è stato utilizzato personalmente da Obama anche e soprattutto in vesti informali, come in occasione della messa in onda della serie “House of Cards” con Kevin Spacey e Robin Wright – in cui twittò «Tomorrow: @HouseofCards. No spoilers, please» –, o della pubblicazione «a grande richiesta» della sua playlist musicale estiva del suo iPod. La campagna elettorale del “twittatore compulsivo” Donald Trump, si è contraddistinta come quella “più economica” proprio grazie al sapiente utilizzo dei social media. Qualche tempo fa uno dei fondatori di Twitter e co-creatore di Blogger, in un’intervista al New York Times aveva dichiarato: «Mi dispiace. Senza Twitter molto probabilmente Trump non sarebbe diventato Presidente». In Italia, si sa, arriviamo sempre con un po’ di ritardo. Copiamo, e lo facciamo male. I temerari che apriranno Facebook da qui fino al 4 marzo troveranno una campagna elettorale oscillante tra la trasposizione social di un gioco a premi di Mike Bongiorno e un infinito spot pubblicitario: «Vinci chi? Vinci Salvini. Più mi piace metti alla mia pagina Facebook e più veloce sei, più accumuli punti per vincere un post con la tua foto e riceverai una mia telefonata. E attento, se sarai tra i quattro vincitori della classifica settimanale verrò a bere un caffè con te».

Il PD ha puntato sullo storytelling con lo spot “Pensaci”, che vede protagonista una famiglia italiana, in auto, con il padre che borbotta: «Comunque stavolta il Pd non lo voto!», suscitando le immediate obiezioni di moglie e figli pronti a enunciare un elenco infinito di riforme fatte in questi anni dal governo uscente. Spoiler: il tocco “pop” di Renzi in bicicletta che risponde “Sicuro, sicuro?” è già diventato un meme.

E se le immagini che scorrono nei video dei “post sponsorizzati” di Emma Bonino e Giorgia Meloni sembrano prese dallo stesso spot (con la differenza di qualche “hijab” in più e un paio di riferimenti alla “famiglia della Mulino Bianco” in meno), in seguito al nuovo “contratto con gli italiani” firmato negli studi di Porta a Porta, le uscite di Berlusconi sono ogni giorno argomento di discussione su twitter: l’ultima «Non sono la fata turchina come dice Padoan, ma la bacchetta magica ce l’ho e sono il Mago Silvio». Nelle ultime 24 ore, l’hashtag satirico #PrometticomeSilvio è balzato in trend topic, generando 125.709 “impressions”. Infine, tra una diretta social e l’altra, il candidato premier del Movimento 5 Stelle, Luigi Di Maio, ha messo in scena una videochiamata social con il suo “alter ego” Di Battista, tra un turbinio di cuori e commenti di elogio dei fan/elettori.

Facebook e Twitter si configurano quindi come le nuove tribune elettorali? Maybe. I dati raccolti da Cnr e Policom in esclusiva per Repubblica hanno fatto emergere una miriade di “profili bot” che dispensano like, falsi profili a sostegno dei candidati (Berlusconi raggiunge il 16%) e “utenti inattivi” (Renzi tocca l’85% e il M5S tocca quota 80%). Insomma, se la cantano e se la suonano. Ma stavolta solo sul web.

 

 

Il nostro impegno è offrire contenuti autorevoli e privi di pubblicità invasiva.
Sei un lettore abituale del Sicilian Post? Sostienilo!

Fai una donazione libera

Preferiresti fare un bonifico? Inviaci una mail per richiedere le nostre coordinate bancarie

Print Friendly, PDF & Email