Sognano un futuro migliore ma non hanno punti di riferimento, andranno a votare ma non si sentono rappresentati da alcun partito politico. L’indagine di Sicilian Post in collaborazione con la Fondazione Domenico Sanfilippo Editore, rivolta a 150 ragazzi siciliani, rivela un immobilismo giovanile preoccupante

Lo slogan di “Life Magazine”, una delle più celebri riviste statunitensi, recitava: «Vedere il mondo, cose pericolose da raggiungere, guardare oltre i muri, avvicinarsi, trovarsi l’un l’altro e sentirsi. Questo è lo scopo della vita». Così i giovani d’oggi sono immersi nella rete, hanno confidenza con l’universo dei social e con Facebook in particolare, parlano inglese e sono degli infaticabili “globetrotter”, favoriti dalla globalizzazione e dai numerosi progetti Erasmus. Sognano, guardano lontano e desiderano un futuro migliore ma allo stesso tempo sono smarriti e non riescono a individuare punti di riferimento credibili. L’indagine rivolta a 150 ragazzi siciliani che si affacceranno per la prima volta al voto il prossimo 4 marzo, ha messo in evidenza una certa diffidenza nei confronti del dibattito politico, anche a causa dell’inadeguatezza delle politiche giovanili.

Voto ma non so per chi.  Alla domanda “Il prossimo 4 marzo andrai a votare?” i giovani hanno risposto “Sì” nell’85,9% dei casi, mentre i “no” si sono fermati “solo” al 14,1%. Un dato in netta controtendenza rispetto alla stessa fascia d’età a livello nazionale. Secondo l’“Istituto Noto”, infatti, sarebbe il 42% la percentuale dei giovani che non andrebbe a votare, mentre “Euromedia” attesta l’astensione giovanile addirittura al 45,2%. Numeri confortanti, certo, ma alla nostra domanda su quale fosse il proprio schieramento politico di riferimento, la percentuale degli indecisi ha raggiunto il 55,8% (a cui si aggiunge l’1,9% di “non sa/non risponde). Lo conferma Daniele, 18 anni: «Andrò a votare perché credo sia un dovere. Stare immobili non è una soluzione, ma al momento non mi sento rappresentato da alcun partito». Secondo l’indagine del Sicilian Post, i giovani si sentono rappresentati prevalentemente dal Movimento 5 Stelle, che si colloca al 17,5%, seguito dalla Sinistra al 12,3%, dalla Destra al 9,7%, dal Centro al 1,9% e dai Radicali allo 0,6% mentre, secondo quanto riportato da Affari Italiani, gli ultimi sondaggi relativi al voto in Sicilia proiettano il M5S al 30%, Forza Italia al 20%, il PD sotto il 15%. A livello nazionale, invece, i maggiori istituti di ricerca – da Piepoli, a Ixè, passando per You Trend – collocano la coalizione di Centrodestra intorno al 36%, il Centrosinistra intorno al 27%, Liberi e Uguali al 6,5% e il Movimento 5 Stelle al 28%.

Indecisi e senza guida. Appare evidente una netta crisi delle “isituzioni rappresentative” della politica. Le sezioni giovanili dei partiti tradizionali sono deserte: non partecipano alla formazione politica dei ragazzi e hanno perso la loro tradizione funzione di mediazione nel rapporto tra elettori e istituzioni. Così gli unici momenti dedicati alla “res pubblica” si consumano tra le mura domestiche e a scuola. Il 54% dei giovani intervistati ha individuato la casa come luogo di discussione, anche se non sempre di vero e proprio dibattito, mentre con il 30% di risposte positive la scuola si dimostra l’unico vero luogo in cui passano i temi e le problematiche nazionali: gli scioperi, le manifestazioni, le elezioni studentesche sono infatti considerati il riflesso di una realtà più ampia. Infine i social si rivelano – seppure in piccolo e con il pericolo “fake news” dietro l’angolo – luogo di condivisione e confronto, poiché «rendono più fruibile conoscere ed esaminare i politici e i loro programmi». Quasi tutti conoscono Berlusconi, Renzi, Salvini e Di Maio, ma secondo molti «nessuno all’interno del panorama politico è meritevole di ricevere alcuna fiducia». E anche chi ha le idee chiare sul proprio orientamento politico si trova in difficoltà al momento di segnare la “x” sulla scheda elettorale: «Ho una formazione di centro-destra, ma le forze politiche attualmente in campo non sono in grado di rappresentarmi poiché estremisti o anacronistici», ci dice Claudia. Non sono da sottovalutare le espressioni come «non sono seguace di nessun partito» – come se la politica fosse vista come “una setta” – o i più o meno consapevoli desideri dell’“uomo forte”: da «nessuno ha le giuste caratteristiche per comandarci» al “nostalgico” «Viva il Duce!».

Dopo il 4 marzo. Quali aspettative per l’Italia e la Sicilia? Il giorno dopo le elezioni, posto che si riesca a trovare una maggioranza stabile, per i giovani della nostra inchiesta istruzione e lavoro dovrebbero essere i punti principali del programma del nuovo governo, seguiti da una maggiore attenzione verso la sanità e la sicurezza. Alcune risposte, inoltre, dimostrano un alto livello di consapevolezza: si parla di «riduzione del cuneo fiscale», «flat tax secca al 30%» e di «gender pay gap», il divario retributivo di genere. Alla domanda specifica sulle priorità della Sicilia, il 43% degli intervistati ha risposto chiedendo un potenziamento nel settore dell’istruzione e della formazione giovanile, mentre il 16,8% auspica maggiori sgravi fiscali per l’assunzione del Sud. Tra le altre opzioni presenti nel sondaggio – oltre a un maggiore riconoscimento dell’autonomia siciliana (14,1%) e collegamenti aerei agevolati per i residenti nell’isola (7,4%) – quella di affidare la gestione dei siti archeologici ha ottenuto il 14,8% dei consensi. Gessica, 20 anni, ci dice che sono «molti i giovani che vorrebbero e che hanno le capacità di lavorare in questo settore», eppure «si sceglie di tenere delle strutture chiuse per mancanza di fondi o di personale piuttosto che investire sui nostri patrimoni». Racconta inoltre della piccola realtà di Mineo, in provincia di Catania, nella quale «fino a qualche anno fa turismo, musei e siti archeologici costituivano il “pane quotidiano”, mentre oggi non più». A 18 anni è lecito sognare quanto tenere gli occhi aperti.

Il nostro impegno è offrire contenuti autorevoli e privi di pubblicità invasiva.
Sei un lettore abituale del Sicilian Post? Sostienilo!

Fai una donazione libera

Preferiresti fare un bonifico? Inviaci una mail per richiedere le nostre coordinate bancarie

Print Friendly, PDF & Email