Superman compie 80 anni: i 5 problemi che potrebbe risolvere a Catania

 -  - 


In occasione dell’ottantesimo anniversario della prima pubblicazione del più celebre dei supereroi, abbiamo provato ad immaginare quali potrebbero essere le cose per cui sarebbe più frequentemente necessario l’intervento dell’eroe kryptoniano nella città etnea

Sarà capitato a tutti i catanesi, almeno una volta, di fare un giro per la propria città e sentirsi esasperati dalle tante problematiche che la affliggono. In questi anni alcune migliorie sono state apportate, ma c’è ancora molto da migliorare. Nessuno possiede la bacchetta magica, del resto. Ma se così non fosse? Se Superman fosse pronto ad intervenire ogni qualvolta fosse necessario per risolvere piccole e grandi questioni, cosa potrebbe risolvere? Ecco cinque suggerimenti:

1. LE AUTO IN DOPPIA FILA: La fluidità del traffico e la disponibilità di parcheggio, si sa, non sono proprio i punti forti di Catania; a peggiorare la situazione, poi, contribuiscono le auto in doppia fila, che non solo il più delle volte ostruiscono il passaggio a chi è regolarmente parcheggiato, ma rallentano la circolazione degli altri mezzi, nei casi più gravi di quelli pubblici. Non sarebbe comodo avere a disposizione Superman che, in un battito di ciglia, potrebbe sollevare le auto incriminate ed evitare spiacevoli battibecchi e atti di nervosismo da parte di alcuni conducenti con particolare fretta? Senza contare l’impatto positivo che tutto ciò avrebbe sulla puntualità di autobus e taxi!

2. L’IMMONDIZIA PER LE STRADE: Negli ultimi anni, Catania ha conosciuto un incremento costante dei flussi turistici. Ritenete giusto che i curiosi viaggiatori provenienti da ogni parte del mondo debbano assistere a spettacoli spesso poco decorosi lungo diverse strade, specie quelle della periferia più degradata? Immaginate cosa potrebbe significare potersi rivolgere al celebre eroe dal mantello rosso – capace con la sua supervelocità e col volo di perlustrare l’intera città in pochissimo tempo – per tenere pulite le zone più critiche sia per gli stranieri che per i cittadini ordinari stessi. Non più soltanto saltuarie pulizie in funzione della visita di qualche eminente personalità istituzionale, ma una costante attenzione al mantenimento di un bene comune, che potrebbe portare anche ad un cambiamento dell’atteggiamento dei più indisciplinati. E a disperarsi un po’ di meno quando i netturbini dovessero scioperare…

3. RISTRUTTURARE MONUMENTI ED EDIFICI: Quando si parla di spreco di risorse artistiche e culturali, la città di Catania può senza dubbio vantare un posto in prima fila. Chiudendo gli occhi e sognando, ecco che disporre della forza e della resistenza praticamente infinita di Superman potrebbe tornare estremamente utile per ridare vita, in tempi brevi, a opere lasciate al degrado del tempo o alla fantasia dei graffitari e al momento non agibili. Stesso discorso andrebbe fatto per edifici di cruciale importanza quali scuole e ospedali: sarebbe certamente più sicuro prevenire piuttosto che sperare che Superman intervenga per salvare gli studenti o i malati quando un finestrone di vetro o una porzione di tetto rischiano di cadere sulle teste dei malcapitati…

4. SBLOCCARE I CANTIERI: Connesso ai temi delle opere incompiute o della gestione del traffico, il disagio di quei cantieri stradali che sembrano mettere radici per poi non spostarsi più meriterebbe qualche attenzione in più. A coloro cui è capitato più di una volta di passare dallo stesso punto a distanza di tempo e vedere inesorabilmente immobile la scritta “lavori in corso” o di dover fare delle deviazioni da far girare a testa: non sarebbe grandioso se, nel giro di una sola giornata, Superman si armasse di catrame e camionbetoniera e rendesse la carreggiata libera dalle lamiere e dalle reti e l’asfalto privo di quelle odiose buche che fanno sussultare le nostre automobili?

5. SALVAGUARDARE I BAGNANTI: Che il catanese medio sia piuttosto insofferente al rispetto delle regole è abbastanza assodato; non stupisce, quindi, che spesso, anche in regime di bandiera rossa, negli stabilimenti balneari si assista ad intrepide (o incoscienti?) avventure nel bel mezzo del mare mosso dal maltempo. Se il fenomeno ha portata più limitata nei lidi più attrezzati, la situazione peggiora decisamente nelle spiagge libere. Godere della presenza di Superman, anche se in costume stile Baywatch piuttosto che con la classica tenuta, risolverebbe il problema in un baleno: vi immaginate qualcuno così ardito da sfidare le imposizioni un bagnino di quella portata?

L’elenco, sforzandosi giusto un po’, potrebbe continuare. In effetti, ci sarebbe un’altra cosa, che ha sempre a che fare con il mare, per cui Superman sarebbe indispensabile: essere una vedetta, individuare le navi o i barconi più in difficoltà ed evitare l’accadere di tremende tragedie.

 

12 recommended
comments icon 0 comments
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *