Esprimere le mille sfaccettature della sicilianità attraverso le eccellenze vinicole. A farlo, il 26 e 27 ottobre, saranno 11 produttori dell’isola, pronti a sbarcare nella Grande Mela per deliziare la stampa statunitense e diffondere la cultura vinicola di cui l’isola rappresenta ormai un punto di riferimento a livello internazionale. «Negli ultimi 20 anni, la Sicilia ha dimostrato di essere una delle regioni viticole più dinamiche d’Italia, grazie alla dedizione e all’impegno dei viticoltori siciliani» afferma Laurent Bernard de la Gatinais, presidente di Assovini Sicilia. E così aziende provenienti da ogni parte dell’isola sfoggeranno un aspetto ancora poco noto negli States della produzione siciliana, ovvero i vitigni autoctoni. Protagoniste delle due degustazioni dal tema “Unveiling indigenous Sicilian varietals”, promosse nell’ambito di OCM Promozione USA 2021 insieme alla agenzia di PR specializzata in Food&Wine Colangelo & Partners in un ristorante italiano a Manhattan, saranno Baglio di Pianetto, Di Giovanna, Donnafugata, Fazio, Gorghi Tondi, Mandrarossa, Planeta, Tasca d’Almerita, Tenuta Santo Spirito, Terra Costantino, Valle dell’Acate. «La nostra missione – aggiunge il presidente di Assovini Sicilia – è quella di continuare a far conoscere il mondo del vino siciliano e le sue caratteristiche distintive, promuovere la viticoltura di qualità come espressione di un mosaico di territori, ciascuno legato ad aspetti e caratteristiche diverse».

Con l’export nazionale che in molti settori sta conoscendo una notevole ripresa, l’occasione per i viticoltori siciliani di rilanciarsi più forti di prima sul mercato estero arriva proprio al momento giusto. D’altro canto, i prodotti isolani sembrano avere una marcia in più: «Siamo in una nuova fase, con consumi che abbracciano diversi momenti della giornata –  commenta Lilly Fazio, vice-presidente di Assovini Sicilia e amministratore unico di Casa Vinicola Fazio. Noi possiamo intercettare questa domanda perché i nostri vini vivono la contemporaneità di un consumo sempre più evoluto che premia l’autenticità, ma anche la freschezza del frutto e la piacevolezza dei profumi dei nostri vitigni autoctoni». A fare da testa di ponte nella conquista del mercato americano una wine list di tutto rispetto, che nelle mani del sommelier Jenni Guizio, vanterà sia vitigni già noti e apprezzati come il Frappato o l’Etna bianco sia prodotti più di nicchia ma dal grande potenziale commerciale come il Perricone o lo Zibibbo. 

A rendere possibile la compresenza di tanti prodotti d’eccellenza e con caratteristiche uniche e distintive, è un know-how che va di pari passo con le peculiarità geografiche del terroir di ciascuna zona di produzione. Emblematica, in questo senso, l’esperienza portata avanti da Gorghi Tondi: «L’aspetto su cui lavoriamo da diversi anni – commentano Annamaria e Clara Sala è la “viticoltura del mare”, caratterizzata dalla vicinanza dei nostri vigneti al Mar Mediterraneo e dalle sue influenze». Autoctono, tuttavia, non significa semplicemente tradizione, ma anche risorsa preziosa per interpretare i futuri cambiamenti: «I vitigni autoctoni sono nati e adattati alle condizioni ambientali e climatiche della Sicilia- commenta Alberto Tasca. Condizioni ambientali che nei secoli si sono modificate e inasprite con intensità estreme come quelle che si stanno vivendo oggi. Per questo, le varietà autoctone sono più resilienti e adatte alla viticoltura sostenibile del futuro, perché intimamente legate al territorio».

Il nostro impegno è offrire contenuti autorevoli e privi di pubblicità invasiva.
Sei un lettore abituale del Sicilian Post? Sostienilo!

Fai una donazione libera

Preferiresti fare un bonifico? Inviaci una mail per richiedere le nostre coordinate bancarie

Print Friendly, PDF & Email