L’anima di certa gente ricorda le lavagne di scuola sulle quali il tempo traccia segni, regole ed esempi che una spugna bagnata subito cancella.

Kahlil Gibran

Le lavagne hanno cambiato forma, materiale, tecnologia, e in molti casi è impossibile ormai sentire la frase di un tempo “va’ dietro la lavagna”. A volte, studenti e docenti, siamo un po’ come loro, dimentichiamo o cancelliamo: i primi qualche insegnamento dei secondi, i secondi di essere stati un tempo come i primi. In entrambi i casi il colpo di spugna si dà, volontariamente o inconsciamente, a qualcosa che non ci piace, che non ci appassiona, che non riteniamo utile. Al contrario ci sono anni, mesi, giorni, ore – come negli ultimi due anni scolastici – che lasciano segni indelebili come quando un cattivo gesso graffia la lavagna o si usa il pennarello sbagliato su quella bianca; ci sono regole – soprattutto quelle di vita e di convivenza civile – che è bene che restino impresse diventando un tesoro fuori da quelle mura; ci sono esempi – buoni o cattivi – che diamo o riceviamo e che spesso insegnano più di tante parole. Il tempo farà la sua parte, ma a noi tutti tocca essere non come certa gente, bensì come chi mette l’anima nelle cose, bagnata dal sudore dovuto all’impegno e dalle lacrime per avercela messa tutta.

Il nostro impegno è offrire contenuti autorevoli e privi di pubblicità invasiva.
Sei un lettore abituale del Sicilian Post? Sostienilo!

Fai una donazione libera

Preferiresti fare un bonifico? Inviaci una mail per richiedere le nostre coordinate bancarie

Print Friendly, PDF & Email