Ogni studente suona il suo strumento, non c’è niente da fare. La cosa difficile è conoscere bene i nostri musicisti e trovare l’armonia. Una buona classe non è un reggimento che marcia al passo, è un’orchestra che prova la stessa sinfonia. E se hai ereditato il piccolo triangolo che sa fare solo tin tin, o lo scacciapensieri che fa soltanto bloing bloing, la cosa importante è che lo facciano al momento giusto, il meglio possibile, che diventino un ottimo triangolo, un impeccabile scacciapensieri, e che siano fieri della qualità che il loro contributo conferisce all’insieme. 

Daniel Pennac

A pochi giorni dalla fine dell’anno scolastico dovremmo verificare le parole di Pennac nelle nostre realtà, ponendoci almeno due domande. Ogni studente ha potuto e voluto suonare il proprio strumento, semplice o complesso? Ogni classe è stata un’orchestra o un insieme di solisti? Nella scuola le verifiche di solito sono scritte, orali, pratiche, con il fine della valutazione e dei voti. C’è poco spazio per confrontarsi tra docenti sulle due domande, salvo che non siano sorti problemi, al volo durante il cambio dell’ora, in un breve tempo durante le riunioni del consiglio di classe. Ogni tanto dall’alto piovono richieste di certificazioni, curricula da redigere a conclusione di un certo periodo, per lo più aride carte (anche online), ma niente a che vedere realmente con il senso vero dello strumento e dell’orchestra. Passi pure tutto ciò, a maggior ragione in periodi difficili come questi; tuttavia, non deve passare un giorno, non può suonare la campanella dell’uscita, senza aver fatto notare agli studenti che siamo fieri di loro, poiché non è detto che lo sappiamo, ed il saperlo fa e farà la differenza.

Il nostro impegno è offrire contenuti autorevoli e privi di pubblicità invasiva.
Sei un lettore abituale del Sicilian Post? Sostienilo!

Fai una donazione libera

Preferiresti fare un bonifico? Inviaci una mail per richiedere le nostre coordinate bancarie

Print Friendly, PDF & Email