Attraverso delle pagine altamente autobiografiche la giovane scrittrice catanese riesce a squadernare il dramma e le difficoltà di una giovane come tante, costretta a venire a patti con il fallimento del suo tentativo di farsi una vita fuori dalla propria città natale

Dora ha trent’anni, è originaria di Catania ed è alle prese con una condizione tutt’altro che stabile. Pur di seguire la sua vocazione, infatti, è andata incontro ad anni di precariato, meccanismi di corruzione e favoritismi professionali che l’hanno portata a ritornare da Roma nella sua città natale con una profonda frustrazione e con la sensazione che un futuro labirintico e soffocante la aspetti. Potrebbe essere la storia di una qualunque laureata, e in effetti in qualche modo lo è: attraverso la protagonista di un romanzo di finzione, infatti, Maristella Bonomo racconta in realtà una vicenda autobiografica e più che realistica per chiunque faccia i conti oggi con la ricerca di un lavoro stabile nel nostro Paese, e in particolare nel sud Italia.

L’opera in questione è Navel, uscita nel 2019 per Gilgamesh Edizioni, e si basa su un personaggio femminile determinato e fiero, che ha alle spalle una solida formazione accademica e una storia d’amore appena naufragata, con un uomo più grande che era riuscito a trasformare la propria passione in una fonte di guadagno certa. Dovere fronteggiare la rottura sentimentale contemporaneamente alle pressioni familiari che riceve per essere rincasata mette a dura prova il suo spirito di adattamento, minato peraltro da un’emicrania a grappolo e da una forte intolleranza alle ingiustizie, che non la rendono di certo la stagista sottopagata e sfruttabile desiderata da un Mister X qualunque.

La sua ricerca di un riscatto sociale e personale si rivela dunque una sfida complessa, che la costringe a rimettere in discussione la propria personalità e i rapporti con chi la circonda, in una dimensione collettiva che lascia poco spazio alla valorizzazione del talento – o del Navel, come per l’appunto definisce lei il “piccolo ombelico” che rappresenta la sua vocazione esistenziale. In una sorta di lungo discorso con sé stessa, narrato in prima persona e costantemente in bilico fra sogno e veglia, invenzione e realtà, Dora analizza con un’amara ironia e con profondo coraggio le delusioni a cui va incontro, le aspettative mancate che la aspettano, la sfilza innumerevole di trafile burocratiche a cui si deve sottoporre pur di inoltrare l’ennesima candidatura, partecipare a un bando o presentarsi a un colloquio infruttuoso.

Il romanzo dà quindi voce al grido di aiuto di un’intera generazione di donne brillanti, capaci di andare al di là delle polemiche giornaliere e dei clientelismi contemporanei per affermare i propri sogni, senza tuttavia riuscire a trovare facilmente un baricentro solido. Per la protagonista, per esempio, la svolta è costituita in un primo momento da un inaspettato incontro con una sorta di sua sosia, in un secondo momento da una presa di coscienza che riesca a conciliare il suo senso di giustizia con la sua predisposizione alla poesia della vita, alla sua dimensione più sacra. Naturalmente, non si tratta di una risposta certa e definitiva alle problematiche della postmodernità, né il cammino percorso da Dora si snoda in una direzione esente da difficoltà, eppure la denuncia sociale sulla quale è imperniato il testo si risolve infine in una prospettiva di riscatto personale che assume quasi i toni di un augurio.

«Anche se non so cosa mi aspetta, se mi sembra spesso di precipitare nel vuoto, di una cosa posso essere sicura: io non voglio soccombere. E, l’incoraggiamento a manifestarsi, mi sembra magnifico. Ricominciare dal presente, da questo momento» scrive la Bonomo, con lo stile schietto ed evocativo che la contraddistingue. E insieme a lei sembra di sentire parlare non solo il suo alter-ego letterario, ma anche qualsiasi altra donna pronta a mettersi in gioco per sopravvivere a questi nostri, complicatissimi tempi.

Il nostro impegno è offrire contenuti autorevoli e privi di pubblicità invasiva.
Sei un lettore abituale del Sicilian Post? Sostienilo!

Fai una donazione libera

Preferiresti fare un bonifico? Inviaci una mail per richiedere le nostre coordinate bancarie

Print Friendly, PDF & Email