Nelle scorse settimane, dello schiaffo di Will Smith a Chris Rock durante la Notte degli Oscar 2022 si è molto parlato sui social network e offline, al punto che lo spiacevole incidente ha finito per diventare un argomento di conversazione nelle scuole, nei circoli e perfino nei bar. Se dell’episodio avete sentito parlare in Sicilia, però, è probabile che non abbiate sentito molti riferimenti a un ceffone, quanto piuttosto a una jangàta.

In dialetto, infatti, esiste una parola specifica per designare la sberla con cui una mano colpisce, con intensità più o meno marcata, il lato del volto compreso fra l’orecchio e la mandibola, e cioè quello che di solito colpisce la janga.

In alcune zone dell’isola il termine è più conosciuto come ganga, ianga o anga, dando vita di conseguenza ad alcune variabili del sostantivo quali gangàta, iangàta o angàta, anche se il concetto di per sé non cambia e la jànga designa in tutta la Trinacria un dente molare, alla cui altezza si riceve quindi una altresì detta pammàta, o schiaffo a mano aperta.

L’etimologia di questo singolare lemma siculo deriverebbe dal verbo latino angō, angis, anxi, anctum, angĕre, che potremmo tradurre con soffocare, strangolare, e dunque per estensione con angustiare, tormentare, far soffrire, causare dolore o ansia. La radice proto-italica a cui fare riferimento sarebbe non a caso *ango, proveniente da quella proto-indoeuropea *h₂enǵʰ-, che vuol dire stringere: la stessa dalla quale si è formato l’aggettivo angusto, o il tedesco eng (stretto, per l’appunto).

Con il tempo, insomma, questa voce linguistica è passata dall’indicare qualcosa di serrato, o di insufficientemente largo, a designare qualcosa che ci fa sentire stretti in una morsa, e che pertanto è fonte di sofferenza. Una definizione di antica ed elaborata origine, che attraverso numerose traslazioni e associazioni di idee ha finito per dare il nome sull’isola a un manrovescio particolare, del quale più che il segno delle cinque dita speriamo resti impresso l’interessante (e più innocuo) segno del tempo.

Il nostro impegno è offrire contenuti autorevoli e privi di pubblicità invasiva.
Sei un lettore abituale del Sicilian Post? Sostienilo!

Fai una donazione libera

Preferiresti fare un bonifico? Inviaci una mail per richiedere le nostre coordinate bancarie

Print Friendly, PDF & Email