«La paura di un nome non fa che aumentare la paura della cosa stessa», scriveva J.K. Rowling nella saga di Harry Potter. Lei si riferiva a Voldemort, un potente mago oscuro, mentre io in genere quando cito la frase penso per lo più alle statistiche, ai dati, alle percentuali. A tutto quel sottobosco di sondaggi da analizzare, di numeri da capire, di comportamenti probabilistici da interpretare.

Ho paura di menzionarli perché ho paura di non capirli, o meglio ancora: ho paura che vengano strumentalizzati a mia insaputa. È facile manipolare i risultati di una ricerca a scopi propagandistici, ideologici, di marketing o politici in senso lato, infatti, se dall’altra parte manca la consapevolezza di come funzionano le relazioni fra le singole voci. Ed è ancora più facile se non si riesce nemmeno a intuire quali possano essere le falle comunicative di un certo report, quali dovrebbero essere le informazioni necessarie a contestualizzarlo, e di che natura sono le indicazioni omesse volutamente.

La copertina del libro

Ecco perché, tutte le volte in cui mi imbatto in un articolo sui dati, finisco per impararlo a memoria. Ecco perché ascolto podcast, spulcio interviste, mi iscrivo a newsletter. Ed ecco perché leggo svariati saggi sull’argomento, uno fra gli ultimi Benedetti sondaggi. Leggere i dati, capire il presente di Lorenzo Pregliasco, pubblicato da add editore e che forse a prima vista mi ha colpito per l’aggettivo del titolo, con quella sua sfumatura al tempo stesso sacrale e ironica: i sondaggi sono benedetti, cioè provvidenziali; ma sono anche benedetti, e pertanto snervanti quando non cogliamo fino in fondo cosa stiano cercando di dirci.

Pregliasco, in tal senso, è un maestro attendibile e scrupoloso. Offre una panoramica vasta ma agguantabile, si muove con eleganza fra esempi e teorie, alterna casi studio di paradossi e compromessi. E permette di impiegare i numeri per vedere il mondo con più precisione, che poi in altre parole equivale ad abitarlo e a cambiarlo meglio e in meno tempo. Così, approfondire la tematica ha circoscritto il pericolo che io venga fuorviata. Ha combattuto il mio analfabetismo e mi ha fornito una serie di indizi per stanare i miei bias e cercare di superarli.

D’altronde, in un mondo in cui le sfumature vengono spesso livellate a vantaggio delle dicotomie, spesso oltretutto false, riconoscere le domande mal poste e capire come orientarsi fra le interpretazioni di certi fenomeni è uno dei pochi modi che abbiamo per non finire fagocitati dai Voldemort di turno. Può succedere durante una pandemia, allo scoppio di una guerra, dopo anni di populismi. Può riguardare i sondaggi elettorali così come le mappe geografiche, le questioni ambientali o quelle di genere. La sostanza, però, non cambia: il consumo disordinato e ingarbugliato di statistiche serve a poco, finché i dati non vengono aggregati con cautela, confrontati solo con parametri adeguati, riconosciuti nei loro limiti, citati in argomentazioni coerenti e di pubblica utilità.

A differenza di quanto accade con la saga di Harry Potter, rispetto ai sondaggi non c’è magia che tenga: si tratta di indicatori parziali, spesso indiretti, ma che possiamo stabilire di osservare sulla base di diversi punti di vista, a partire da più di una legenda e attraverso una gestione sempre aperta a nuove possibilità. Leggerli nel modo più adeguato, e tanto più leggere una guida su come leggerli davvero, significa imparare a non esserne schiavi. A non cadere in un tranello. A reagire al fumo gettato sugli occhi con un controincantesimo finalmente efficace.

Il nostro impegno è offrire contenuti autorevoli e privi di pubblicità invasiva.
Sei un lettore abituale del Sicilian Post? Sostienilo!

Fai una donazione libera

Preferiresti fare un bonifico? Inviaci una mail per richiedere le nostre coordinate bancarie

Print Friendly, PDF & Email