Sono sempre di più i contesti in cui l’uso dell’espressione è consentito, in particolare sul Web. Ma cosa significa esattamente?

Il termine “tamarro”, che di sicuro un qualunque abitante della penisola avrà sentito almeno una volta della vita, è associato a quello che altrove sarebbe definito un “burino”, uno zoticone, una persona cafona.

Si tratta di un gergo prevalentemente giovanile, è chiaro, eppure sono sempre di più i contesti in cui l’uso di una simile espressione è consentito, in particolare sul Web. I tamarri, infatti, sono anche coloro che ascoltano una certa musica, o che pubblicano fotografie scattate in pose solo apparentemente chic, o che hanno uno stile di vita dettato con poco spirito critico dalle mode meno eleganti del momento.

Nell’antichità, però, chi erano in realtà i tamarri? Persone dal gusto estetico poco spiccato? Forse, ma solo per un’associazione di idee che deve essersi imposta in seguito. Nella cultura e lingua araba, infatti, il “tammar” non era altri che il mercante di datteri maturi, ovvero un uomo di estrazione sociale probabilmente bassa, il cui mestiere era altrettanto umile e lontano dal mondo dell’arte e della letteratura.

Da questo significato originario, nella Trinacria la parola si è poi diffusa in maniera capillare e ha iniziato a indicare più genericamente villani – dal latino “villanus”, aggettivo riferito a colui che abitava nella”villa”, ovvero in campagna. Tacciati spesso (e magari ingiustamente) di essere rozzi e poco istruiti, i contadini sono quindi diventati il fulcro di un’etichetta in vigore ancora oggi, sebbene con i dovuti distinguo.

Sarebbe importante, tuttavia, ricordarsi che i tamarri in origine erano solo abili coltivatori di terra e non necessariamente dei truzzi dagli atteggiamenti goliardici e fan di una sottocultura che attecchisce specie fra gli adolescenti. Insomma, è molto probabile che molti dei nostri avi fossero loro stessi dei tamarri, senza per questo andare in giro con grosse croci d’oro al collo o con la camicia sbottonata.

Il nostro impegno è offrire contenuti autorevoli e privi di pubblicità invasiva.
Sei un lettore abituale del Sicilian Post? Sostienilo!

Fai una donazione libera

Preferiresti fare un bonifico? Inviaci una mail per richiedere le nostre coordinate bancarie

Print Friendly, PDF & Email