Da Red Bull a Trenitalia, messaggi brevi e immagini di impatto, attraverso operazioni di real time marketing geolocalizzato a Catania

Che religione e pubblicità siano indissolubilmente legate non lo scopriamo certo oggi. Nonostante la teologia cattolica sia formalmente contraria all’idolatria, il business religioso ha da sempre fatto affidamento su santini, calendari, poster e rosari. Rovesciando la prospettiva, anche le grandi aziende hanno legato i loro affari alle feste religiose, mescolando elementi appartenenti tanto al sacro quanto al profano. E se scomodare Dio in persona per fare soldi oggi pare blasfemo, ecco che fare sfoggio di Santi e angeli facendo leva sulla cultura popolare non sembra poi così irragionevole.

La festa di Sant’Agata a Catania, riconosciuta come celebrazione religiosa più importante al mondo dopo la settimana Santa di Siviglia e il Corpus Domini di Cuzco in Perù, è la perfetta sintesi di un fenomeno in cui la “fede” verso la reliquia si sposa perfettamente con “la fedeltà” verso un marchio. In fondo, marketing e fede poggiano entrambe le loro fondamenta sulla costruzione di significati e sulla creazione di una forte identità, e poiché nella comunicazione – come nella religione – appare quanto più importante saper raccontare una storia, ecco che anche i più importanti “brand” hanno sfruttato l’opportunità di pubblicizzare i loro prodotti legandoli alla figura della martire catanese attraverso l’utilizzo di linguaggi narrativi ben definiti. Messaggi brevi e immagini di impatto, attraverso operazioni di real time marketing geolocalizzato a Catania.

SOCIAL BRAND. Tra i brand più noti, “Red Bull” ha distribuito il proprio energy drink attraverso numerosi locali noti della città – da “Savia” al “Bar Epoca”, dallo “Student Lab” fino ai “4 Canti” – con la possibilità per il pubblico di accedere, lattina alla mano, all’esclusiva “Terrazza RedBull @Sant’Aituzza” (con tanto di @ che fa più social) allestita per l’occasione in Piazza Duomo. Il tutto è stato affiancato da un’efficace campagna su Facebook con un’immagine raffigurante un “cittadino” con le ali in soccorso di un devoto intento a portare un cero, con la frase «Anche chi solleva si sentirà sollevato. #TiMetteLeAli».

Trenitalia” non ha perso occasione di sfruttare il trend, attraverso numerosi post dedicati: «Prendere il treno per la festa di Sant’Agata conviene, e in albergo sarai un cliente speciale».

Operazione “replicata” anche dalla “Ferrovia Circumetnea – Metropolitana di Catania”, che per pubblicizzare i suoi #AgataTicket, ha puntato sugli affetti famigliari attraverso uno “spot” diffuso sui social con protagoniste nonna e nipote: «Nonna preparati che c’è traffico, la Santa non me la voglio perdere». «Tranquilla, ho già comprato io i biglietti della metropolitana!»

Se l’azienda cult produttrice di accendini “Clipper” ha commercializzato la sua #ClipperLimitedEdition con il volto della Santa, il brand “Isola Bella” propone una linea di gioielli «Dedicata ad Agata, il candore della sua pelle e la purezza della sua anima», che raffigurano il volto della patrona e le candelore catanesi, puntando sul folclore, la spiritualità e la tradizione; anche l’azienda informatica “Siportal” promuove la sua fibra wireless associandola alle “cassatelle di Sant’Agata”…«Ed è sempre festa».

SANT’AITA E IL DIALETTO. Trattandosi – come detto – di forme di marketing geolocalizzato, è forte la tendenza per le aziende a “dialettizzare” anche gli slogan: le strade sono piene di cartelloni di “Acqua Santagata” che recitano «Semu tutti devoti tutti?», e «S.Aita è a tezza festa più bella do munnu», l’azienda dolciaria locale “Dolgan” campeggia nei centri commerciali con «Perché Catania è ruci», e “Prestipino Cafè” propone sui propri canali social immagini delle tradizionali «Minnuzze di Sant’Agata, il dolce che racconta la femminilità della nostra Catania».

Sia chiaro, non vi è nulla di indecoroso nel legare il proprio marchio a un evento anche se religioso. Lo ha fatto “Caffè Lavazza” sin dagli anni ’90 con le “Campagne del Paradiso”, girate da celebri registi come Alessandro D’Alatri e Gabriele Salvatores, con protagonisti Paolo Bonolis e Luca Laurenti prima, Tullio Solenghi nel ruolo di San Pietro ed Enrico Brignano poi, fino agli spot di Maurizio Crozza; nel 2013 “Dolce&Gabbana” presentarono una collezione invernale ispirata a una rivisitazione delle vesti ecclesiastiche, e i richiami iconografici ai Santi – tra questi proprio Sant’Agata attraverso un racconto della Sicilia come “terra mistica”.

Dare un voto non ci compete, anche se leggendo i commenti sul web, tra gli ironici «Macari la Red Bull, Catania caput mundi» e «Catania sta volando!», e gli inviperiti «Si pensa solo a monetizzare», «Manco il dialetto sanno parlare», forse è meglio rimandare tutti a Settembre…ops, ad Agosto.

Il nostro impegno è offrire contenuti autorevoli e privi di pubblicità invasiva.
Sei un lettore abituale del Sicilian Post? Sostienilo!

Fai una donazione libera

Preferiresti fare un bonifico? Inviaci una mail per richiedere le nostre coordinate bancarie

Print Friendly, PDF & Email