Vi svegliate, aprite la finestra pronti a inaugurare una nuova giornata e… Notate che piove. Anzi, non è che piova e basta: l’acqua è scrosciante, fitta, e fuori non riuscite quasi a vedere al di là del vostro naso.

Potreste pensare si tratti di una situazione che in Sicilia non capita tanto spesso quanto in altre regioni d’Italia, ma evidentemente è abbastanza significativa da avere portato chi vive sull’isola a coniare un’espressione dialettale ad hoc per descrivere questo fenomeno. Parliamo di chiòviri a pisuli pisuli, letteralmente piovere pendente pendente, che fra l’altro si unisce ad almeno un altro modo di dire legato alla pioggia: chiòviri a ‘suppa viddànu.

Ma andiamo con ordine: come dicevamo, chiòviri a pìsuli pìsuli si utilizza nel caso di una pioggia battente e continua, e secondo diversi studi deriverebbe dalla radice latina pènsilis, cioè che pende o pendente. L’immagine che ha in mente un siciliano per l’occasione, in altre parole, è quella di un filo sospeso in cielo, capace dalle nuvole di precipitare senza soluzione di continuità fino a terra.

 Chiòviri a ‘suppa viddànu, invece, è un fraseologismo che ci porta dritti dritti nei campi, coltivati durante ogni condizione climatica dai viddàni, cioè dai villani o contadini che lavoravano nei latifondi. Se il cielo minacciava un temporale, naturalmente i viddàni correvano ai ripari, mentre nel caso di una pioggia più leggera e sottile, quasi impercettibile, proseguivano il loro lavoro imperturbabili.

Peccato, però, che a fine giornata i loro vestiti si infradiciassero ugualmente, a causa di quelle goccioline solo in apparenza innocue, che però erano continuate a cadere facendo suppàre, cioè inzuppare, chi restava all’aperto troppo a lungo.

Tanto nel primo caso quanto nel secondo, insomma, il dialetto siciliano fa ricorso a una metafora per descrivere un fenomeno atmosferico, personificandone e dettagliandone gli effetti sulla popolazione e la percezione su chi vive… “sul bagnato”.

Il nostro impegno è offrire contenuti autorevoli e privi di pubblicità invasiva.
Sei un lettore abituale del Sicilian Post? Sostienilo!

Fai una donazione libera

Preferiresti fare un bonifico? Inviaci una mail per richiedere le nostre coordinate bancarie

Print Friendly, PDF & Email