A piedi scalzi, con le scarpe da trekking, in bici, in macchina, in motorino o in ginocchio: chi nasce a Palermo ha fatto, almeno una volta nella sua vita, “l’acchianata” verso Monte Pellegrino. In molti salgono come segno di devozione, per omaggiare Santa Rosalia; alcuni si allenano, altri sono turisti o gente che ha deciso di passare in montagna un week-end primaverile. Tutti i palermitani l’hanno fatto, e se non l’hanno ancora fatto, prima o poi lo faranno. In pochi però sanno che quello della Santuzza non è l’unico santuario a sovrastare le alture di Palermo.

Esattamente di fronte Monte Pellegrino, a circa 580 metri sopra il livello del mare, a metà strada tra gli abitati di Mondello, Tommaso Natale e Sferracavallo, si erge isolato Monte Gallo. In cima, sul versante nord, un antico semaforo marino di epoca borbonica, oggi riadattato a santuario da Isravele, l’eremita che da ben ventiquattro anni lo abita. 

Il “santuario” di Isravele

La vista che regala agli escursionisti che giungono in cima è mozzafiato e quando il meteo è favorevole si riesce a vedere persino l’Etna. Ma la vera fortuna, dopo aver percorso per circa quaranta minuti la lunga e ripida salita di “via Santa” (nome con cui l’eremita ha ribattezzato il sentiero che porta al santuario), è scorgere la porta del semaforo aperta.  Poggiato sul parapetto, Isravele – “elevarsi” se letto al contrario -, con grande umiltà e gentilezza, accoglie visitatori e curiosi nel suo tempio sacro, ricco di simbologia biblica. Una folta barba bianca, gli occhiali da sole ed un cappello bianco in testa, indossa un maglione di lana e dei pantaloni usurati dal lavoro. L’eremita si intrattiene con chi gli si avvicina: «Sono nato qua e proprio qua mi ha mandato Dio. Il faro simbolicamente ha a che fare con la luce, Dio è la luce, una luce in mezzo alle tenebre. Ognuno di noi dovrebbe essere un faro».

A colpire i visitatori, già gli esterni della struttura. “Tutto è compiuto, il regno inizia. Come i nuovi cieli e la nuova terra che sto per fare, dureranno per sempre davanti a me” recita una scritta sulla facciata, tutt’intorno mosaici e stelle di David. Sulla torre principale si intravedono degli angeli. Sul pavimento, invece, l’invito a togliersi le scarpe prima di entrare: “Off shoes”. 

I mosaici che decorano l’interno

Uomo di grande fede, attento conoscitore delle Scritture, Nino – il suo vero nome – prima di salire su monte Gallo, faceva il muratore e viveva a Palermo con la famiglia. Poi il sogno. «Dio gli presentava due gemelli – si legge in un saggio di Eva Di Stefano, guida dell’Osservatorio Outsiderart dell’Università di Palermo – un doppio Gesù Cristo. Uno dei due aveva il suo volto, in definitiva era lui stesso». Allora si convinse di essere stato chiamato a compiere un percorso spirituale e di radicale solitudine: «Mi importa che la gente si converta – dice – non che si parli di me».

Nessun telefonino né televisore. Con l’ausilio di due pannelli solari, Isravele ascolta la radio e illumina l’ambiente al calar del sole. E anche se nella notte, d’inverno, a 500 mt d’altezza il freddo si fa sentire, l’eremita non si scoraggia. È la fede a scaldargli il cuore. «La casa – racconta – è il simbolo della mia fede che non vacilla. È fatta sulle rocce e non si indebolisce. Il Signore mi riscalda con il suo spirito».

Con dedizione, perseveranza ed una straordinaria pazienza, l’eremita palermitano decora gli interni e gli esterni della struttura, apportando giornalmente piccole modifiche rappresentate da disegni e mosaici che rimandano alla sua concezione di religiosità e che, in definitiva, rispecchiano la sua testimonianza più sentita: «Dio è uno solo per tutte le religioni. Le chiese si devono comportare come una sola famiglia verso il Signore».

Il nostro impegno è offrire contenuti autorevoli e privi di pubblicità invasiva.
Sei un lettore abituale del Sicilian Post? Sostienilo!

Fai una donazione libera

Preferiresti fare un bonifico? Inviaci una mail per richiedere le nostre coordinate bancarie

Print Friendly, PDF & Email