Millenni di storia, con decine di dominazioni, lingue e culture non hanno eliminato dagli abitanti dell’isola la voglia di farsi una risata a scapito di chi li ascolta. Un’attitudine sintetizzata dal verbo babbiàri, termine di uso quotidiano che deriva direttamente dal greco antico. E che ha dato, almeno in Trinacria, un significato diverso dal resto d’Italia alla parola “babbo”

Spesso, siamo abituati a pensare che il siciliano di oggi sia debitore, da un punto di vista lessicale, soprattutto alle dominazioni più recenti: alla lingua spagnola, quindi, e naturalmente a quella francese e araba. Non dimentichiamoci, però, che prima di chiunque altro arrivarono nella regione gli antichi greci, le cui tracce rimangono tuttora nell’idioma parlato dagli isolani.

Un esempio eclatante è costituito da un termine che il siciliano medio utilizza come minimo una volta al giorno, visto il suo carattere burlone e la sua abitudine a definire qualsiasi azione nel dettaglio: si tratta del verbo babbiàri, ovvero dell’atto di divertirsi con un gusto particolare, a metà fra la presa in giro e il piacere genuino.

Chi babbìa, in altre parole, potrebbe avere l’intenzione di farsi una risata a scapito della credulità di chi lo ascolta, o anche solo volerlo coinvolgerlo in un aneddoto spassoso e innocuo, come sono soliti fare i bambini o gli amici più cari. L’azione deriverebbe proprio dal greco antico, dal momento che è stata rinvenuta la presenza nei dizionari della voce babazein, letteralmente scherzare.

Che un’espressione così antica sia stata mantenuta fino ai nostri giorni, nonostante le molteplici stratificazioni del dialetto e le influenze culturali di diversa matrice a cui la Trinacria è stata esposta, si spiega considerando il significante di babbiàri, cioè la sua forma semplice e onomatopeica. Non a caso, essa richiama la forma babbo, che dal latino babbus (derivata dalle prime sillabe balbettate dai neonati) si è poi imposta in italiano per indicare la figura del padre e in siciliano con il significato di persona sciocca o ingenua.

Una persona babba, dunque, è una che probabilmente ama babbìari, e viceversa: chi si trastulla per abitudine con qualche buffonata, è verosimile che sia un po’ babba di natura, che non abbia troppo sale in zucca e che si comporti in questo modo perché non è capace di rimanere seria troppo a lungo. Un altro modo, tutto siculo, per ricordarci che insomma il riso abbonda sempre sulla bocca degli stolti.

Il nostro impegno è offrire contenuti autorevoli e privi di pubblicità invasiva.
Sei un lettore abituale del Sicilian Post? Sostienilo!

Fai una donazione libera

Preferiresti fare un bonifico? Inviaci una mail per richiedere le nostre coordinate bancarie

Print Friendly, PDF & Email