Provate a fare un esperimento e chiedete alla prima persona che incrociate di associare tre parole alla Sicilia: tra queste, sicuramente, ne figurerà una riconducibile al campo semantico della luce. L’isola, infatti, è rinomata per le sue condizioni meteorologiche miti e per le lunghe giornate di sole, che anche in inverno rendono gradevole una passeggiata in città o una gita fuori porta. Dal cielo terso alla sensazione di calore che si prova sull’isola, poi, il passo è breve. Ecco perché oggi scopriamo le origini di un termine del dialetto siculo che capita spesso di sentire per strada o di volere utilizzare in prima persona

Ci stiamo riferendo al verbo accupàri, traducibile in italiano con soffocare a causa delle alte temperature, per l’appunto. La sua etimologia sembrerebbe essere riconducibile al catalano, in cui esiste il corrispettivo acubarse, inteso a sua volta come asfissiare, o più informalmente morire di caldo. Senza la particella riflessiva se, il termine vuol dire anche opprimere qualcuno o essere ingombrante, che ben spiegherebbe il significato dell’aggettivo siciliano derivato da questa radice. Una persona accupùsa, infatti, è assillante e morbosa, mentre una mattinata accupùsa non è che il preludio a una giornata di canicola.

Attenzione, però, a non confondere la parola con la quasi omografa accuppàri, alla quale basta una p in più per cambiare radicalmente significato. Nel caso specifico, infatti, il verbo viene dal latino cupa, che anticamente stava a indicare una botte o un gande vaso di legno. In dialetto accuppàri è sinonimo dunque di coprire o nascondere, e non a caso nei secoli scorsi si riferiva anche a un gioco comune fra i più piccoli, che consisteva nel coprire una moneta con il palmo della mano per farla poi scomparire.

L’avreste mai detto che una sola lettera potesse fare fino a tal punto la differenza?

Il nostro impegno è offrire contenuti autorevoli e privi di pubblicità invasiva.
Sei un lettore abituale del Sicilian Post? Sostienilo!

Fai una donazione libera

Preferiresti fare un bonifico? Inviaci una mail per richiedere le nostre coordinate bancarie

Print Friendly, PDF & Email