Un buon modo per misurare la creatività e la versatilità dell’animo siculo consiste nell’osservare le sfaccettature del suo dialetto: variegato il lessico, complessa la sintassi, figurarsi poi l’ortografia e la fonetica. Per non parlare del fatto che, a partire da una singola parola, il siciliano costruisce significati a strati, allusioni a catena, che si sa da dove cominciano e non si prevede mai fin dove si spingeranno.

Esempio calzante di questa attitudine è il verbo del latino volgare “comptiare”, che letteralmente vuol dire combinare, riunire, mettere a posto. Nella Trinacria si è trasformato in cunzàri (o cunsàri, o consàri, in base alle zone), e fin qui nulla di strano. Dipendentemente dal contesto d’uso, si può quindi cunzàri un piatto, cunzàri la tavola quando è pronto da mangiare, cunzàri un letto o un vino, ma anche ‘u presèpiu in periodo natalizio, la pasta e perfino un matrimonio.

Nell’isola, infatti, la parola assume anche la sfumatura di preparare, oltre che di apparecchiare e imbandire, e spesso lo si può addirittura usare nell’accezione di conciare, come accade per il modo di dire cunzàri ‘u capìzzu, cioè fare le scarpe a qualcuno, arrecargli un danno, oppure cunzàri ppi festi, perfetto corrispettivo dell’italiano conciare per le feste.

E ancora: nella Trinacria ccu avi cchiù Sali conza ‘a minestra (chi ha più sale in zucca è colui che lo usa per condire la minestra), mentre una pietanza cunzàta è ben insaporita, così come una persona cunzàta è stata ben ridotta (o mal ridotta, se la frase è ironica) da qualcun altro o dalle circostanze.

Del verbo esiste poi l’antonimo sconzàri, con il prefisso sottrattivo s- proveniente dal latino ex, che dunque indica un oggetto scombinato, lasciato fuori posto, scondito, da riordinare, così come una persona scònza è colei che riesce a guastare l’ordine prestabilito, diventando perfino una sconzajòcu se la si vuole definire una guastafeste, o più letteralmente una “guasta gioco”.

Insomma: a quanto pare basta davvero prendere un solo termine per arricchire il dialetto siculo e il suo immaginario in maniera esponenziale, o meglio, per cunzàrlo nel migliore dei modi possibili.

Il nostro impegno è offrire contenuti autorevoli e privi di pubblicità invasiva.
Sei un lettore abituale del Sicilian Post? Sostienilo!

Fai una donazione libera

Preferiresti fare un bonifico? Inviaci una mail per richiedere le nostre coordinate bancarie

Print Friendly, PDF & Email