Quando in Sicilia i bambini e le bambine guardano il classico Disney Il gobbo di Notre-Dame, liberamente ispirato al romanzo Notre-Dame de Paris di Victor Hugo, non è raro che se hanno già familiarità con il dialetto locale finiscano per indicare la gobba di Quasimodo chiamandola in un altro modo, cioè ìmmu.

Conosciuta anche nella variante gibbu, e jimmu, infatti, il termine nella Trinacria trova un corrispettivo tutto suo, che si distingue dalla variante nazionale non solo per fonetica e ortografia, ma anche e specialmente per la sua diversa storia etimologica. Secondo i dizionari, gobba è d’altronde l’evoluzione di gibba o della sua variante gubba, parole latine dal significato analogo, mentre il siciliano ìmmu deriverebbe forse da più lontano.

Più che essere associato al concetto di curva e di convessità, sarebbe da far risalire al verbo geminare, che per gli antichi Romani equivaleva al nostro duplicare, doppiare, un po’ come se l’ìmmu equivalesse a una seconda schiena appoggiata sulla prima.

Come se non bastasse, il dialetto della Trinacria avrebbe dato vita a un’espressione idiomatica particolarmente colorita e affascinante, il cui protagonista è proprio un fantomatico uomo gobbuto: ‘U immirutu ‘n mezzu ‘a via, recita infatti, ‘u immu sò nun su talìa – ovvero non guarda mica la sua gobba, pur essendo pronto a criticare i difetti altrui alla prima occasione.

Una sorta di bue che dice cornuto all’asino, insomma, già presente nel Vangelo secondo Matteo in una formula che è poi rimasta comune nell’intera penisola fino ai nostri giorni: «Perché osservi la pagliuzza nell’occhio del tuo fratello, mentre non ti accorgi della trave che hai nel tuo occhio?» (7, 1-5, Cei).

Ancora una volta, quindi, la varietà e la freschezza della lingua siciliana si declina in lemmi e modi di dire interessanti da scoprire e semplici da usare, se solo se ne riescono a cogliere le diverse sfumature di significato in ogni contesto.

Il nostro impegno è offrire contenuti autorevoli e privi di pubblicità invasiva.
Sei un lettore abituale del Sicilian Post? Sostienilo!

Fai una donazione libera

Preferiresti fare un bonifico? Inviaci una mail per richiedere le nostre coordinate bancarie

Print Friendly, PDF & Email