Pensate a un dessert dal sapore stucchevole e immaginate di cospargerlo di zucchero a velo, per poi inzupparlo in una mousse al cioccolato prima di assaggiarlo. Il risultato che ne otterreste sarebbe un cibo melenso, ma così melenso da diventare quasi immangiabile. Ecco: in siciliano, per esprimere un concetto simile, si userebbe il termine gilèppu (o cilèppu), in base alle zone.

Si tratta di una parola ormai poco utilizzata, ma che fino a qualche generazione fa era molto diffusa fra la popolazione e che corrispondeva, come anticipato, a un sinonimo di zuccherino, di dolciastro, ai limiti del nauseante. E ne esisteva addirittura un derivato, ‘ngilippatu, che potremmo tradurre come ricoperto di glassa.

Ai più attenti non sarà sfuggita la somiglianza di gilèppu con il toscanismo giulèbbe, che non a caso significa sciroppo dolce, così come chi conosce l’inglese potrebbe aver pensato al julep, uno sciroppo utilizzato per alcuni cocktail alla menta, e chi conosce lo spagnolo al polisemico julepe, che anche stavolta fra le altre accezioni include quella di sciroppo.

Di fatto la loro storia è da ricondurre allo stesso sostantivo: parliamo del persiano golâb, ovvero acqua di rose, che è un composto di gul (rosa) e āb (acqua), e che in realtà ha cominciato poi a designare un vero e proprio sciroppo ottenuto dalla cottura di frutta, miele e zucchero, arrivato fino a noi – almeno dal punto di vista linguistico – attraverso l’arabo giulāb.

Di epoca in epoca, di area in area, il termine ha assunto sfumature a sé stanti, finendo per esempio per indicare nella Trinacria tutto ciò che è eccessivamente sdolcinato, al punto da risultare sgradevole, ma allo stesso tempo anche tutto ciò che ispira un senso di bontà e, per estensione, di gioia.

Il nostro impegno è offrire contenuti autorevoli e privi di pubblicità invasiva.
Sei un lettore abituale del Sicilian Post? Sostienilo!

Fai una donazione libera

Preferiresti fare un bonifico? Inviaci una mail per richiedere le nostre coordinate bancarie

Print Friendly, PDF & Email