Se approfondendo l’origine della parola vuccirìa avevamo mosso i primi passi nello sfaccettato mondo dei mercati siciliani, con il verbo vanniàri (o anche, a seconda delle zone, banniàri, abbanniàri e perfino bannizzàri) ci addentriamo in un’atmosfera ancora più caratteristica, che prende le mosse dal trambusto e dalla confusione per descrivere in maniera peculiare l’attitudine dei suoi commercianti o vanniatùri, per l’appunto.

Con questa parola, nell’isola si designa infatti l’atto di proclamare, di gridare, ovvero di annunciare a gran voce quali prodotti si hanno da vendere sulla propria bancarella. Nun vanniàri, cà nun semu ‘a fera, esclama non a caso qualcuno per dire che non è il caso di urlare, dal momento che non si è mica alla fiera, cioè al mercato, e il riferimento del proverbio ‘U vinnituri (oppure ‘u putiàru)‘n mezzu ‘a via, zoccu havi abbannìa è il medesimo: il venditore che sta per strada parla a gran voce di qualunque cosa abbia con sé.

Ma se oggi vanniàri è quindi usato come sinonimo di annunciare all’aperto ciò che si vende, o più in generale strepitare (perfino in contesti di litigi fra conoscenti, amici o parenti, come dimostra l’espressione Mi vanniàu di mala manèra per dire che qualcuno ci ha aggredito pesantemente), anticamente la sua origine è legata a ben altre situazioni.

Il termine deriverebbe infatti dall’antico tedesco bandujan, traducibile oggi con dare pubblico annuncio di una legge, e più avanti in senso lato dare segnale, che dunque si riferiva ai momenti in cui un banditore (lemma con la stessa etimologia) proclamava una norma a nome di un’alta carica politica e non certo all’ambiente informale che caratterizza oggi i centri urbani siculi.

C’è però da dire che vanniàri a unu non vuol dire soltanto diffamare pubblicamente qualcuno, come di conseguenza si potrebbe pensare, e che nell’ambito del diritto canonico acquisisce invece il senso di annunciare le prossime nozze di una persona, o la sua scelta di ricevere l’ordine sacro. A mantenersi costante, come abbiamo visto, è allora un tratto specifico di questa parola polisemica: il suo manifestarsi di fronte a un’ampia platea per dichiarare qualcosa a cui si tiene.

Può trattarsi di una legge, di una merce o di elementi ben più sacri e delicati della vita umana, ma ad ogni modo il verbo vanniàri sarà quello che nella Trinacria farà chiaramente al caso vostro.

Il nostro impegno è offrire contenuti autorevoli e privi di pubblicità invasiva.
Sei un lettore abituale del Sicilian Post? Sostienilo!

Fai una donazione libera

Preferiresti fare un bonifico? Inviaci una mail per richiedere le nostre coordinate bancarie

Print Friendly, PDF & Email