In Sicilia, se non si è persone di cultura, se si ha poco senso critico o se si è particolarmente creduloni, non si è ignoranti: si è scecchi. È così che si rimbrottano fra loro i bambini, o che si commenta ironicamente la performance di uno studente, e per sceccu si può essere presi durante certe tavolate festive che vedono riunirsi intere generazioni di parenti con le idee molto diverse fra loro.

Questo aggettivo, infatti, è associato al concetto di stupidità e allo stesso tempo sinonimo dialettale di «asino», replicando l’associazione tra la stoltezza e il carattere dei muli che esiste anche in lingua italiana. Ma da dove deriva, nel caso della Trinacria, la commistione fra la sciccaggini e gli animali da soma?

L’origine etimologia è alquanto incerta, dal momento che varie somiglianze sono state trovate con il greco ίκκος (iccos), l’armeno իշակ (ishak), il russo ишак (ìšak) e il turco eşek. Ben più definita e ricca è, invece, l’origine leggendaria del termine, legata addirittura a due diverse leggende.

Secondo la prima, quando la figlia del re arabo Amir al-Mu’minin, noto anche come Miramolino, si innamorò di un siciliano e chiese al padre maggiore clemenza verso il popolo da loro colonizzato, questi concesse agli isolani alcune libertà, ma non gli permise più di cavalcare i cavalli.

In molti allora si misero d’accordo per avvelenare i cavalli presenti sul posto e impedire di montarli anche agli arabi, che provarono a portarne di nuovi via mare ma che videro naufragare tutte le navi, tranne quelle con a bordo degli asini. Gli sceicchi dovettero così accontentarsi di salire in groppa ai muli e, per assonanza, vennero presi in giro dalla popolazione e appellati proprio scecchi.

Stando alla seconda leggenda, invece, la parola si sarebbe diffusa dopo il dispaccio reale emanato nel 1469 dal viceré spagnolo Giovanni I d’Aragona, che vietò a nobili e borghesi di cavalcare gli asini, riservando il loro uso solo ai ceti più poveri della società e obbligando gli altri a preferire i più nobili cavalli.

Di conseguenza, uno sceccu sarebbe diventato sinonimo di povero diavolo, di stolto, proprio perché erano le classi popolari a restare spesso analfabete. Quale che sia la verità, il lemma ha resistito alla prova del tempo e resta oggi largamente usato in tutta la Sicilia, portando con sé un ricco bagaglio di storie folkloriche e di teorie linguistiche.

Il nostro impegno è offrire contenuti autorevoli e privi di pubblicità invasiva.
Sei un lettore abituale del Sicilian Post? Sostienilo!

Fai una donazione libera

Preferiresti fare un bonifico? Inviaci una mail per richiedere le nostre coordinate bancarie

Print Friendly, PDF & Email