Se l’avete visto, non l’avrete dimenticato: nel 2020 in Sicilia è apparso un cartellone pubblicitario di una storica azienda locale di specialità dolciarie con la celeberrima frase in dialetto «T’immùcchi quattru». La campagna, che è diventata subito virale e che ha conquistato e divertito migliaia di siciliani, è stata considerata un vero e proprio case study, dato che ha collegato un’espressione idiomatica alla goliardia della parlata sicula.

Se non avete familiarità con il dialetto, però, o se non ne conoscete a menadito tutte le sfumature, è probabile che vi stiate chiedendo cosa significhi questa espressione metaforica, che in senso letterale potremmo tradurre con Te ne mangi quattro, ma che per riferimenti e allusioni va ben al di là di questo.

Ebbene: si tratta di un sintagma tipico soprattutto del catanese, volto a sottolineare beffardamente la vanagloria del nostro interlocutore e a suggerirgli di darsi meno arie, il più delle volte perché il motivo di tanta soddisfazione è in realtà inesistente, irrilevante, oppure fastidiosa. Quanto alla sua origine, o all’entità di queste fantomatiche quattro cose da mangiare, la faccenda è più complicata.

La quantità è certamente da ricollegare all’antica abitudine nella Trinacria di usare un sistema di numerazione a base quattro, come accadeva anche in Nord America e prima ancora in India. Il cibo dello sbruffone, invece, potrebbe coincidere con i quattro elementi naturali, a significare che con la sua superbia avrebbe divorato l’intero universo; oppure, se pensiamo all’associazione di Pitagora tra il 4 e i concetti di realtà e concretezza, potrebbe essere un invito a tornare appunto coi piedi per terra.

Secondo un’ipotesi ancora più curiosa, invece, dovremmo considerare che un tempo le bare dei defunti erano trasportate da quattro becchini e che l’area dei cimiteri corrispondeva a quattro tummìna (cioè tumuli): l’esclamazione, allora, potrebbe equivalere a un’esortazione a tacere prima di fare una brutta fine, con una minaccia più o meno velata e più o meno scanzonata, in base alla circostanza specifica.

Quale che sia la verità, il detto rimane tipico della lingua etnea (e non solo), e ha contribuito a portare le varianti di tortina più sperimentali sulla tavola di molti siciliani.

Il nostro impegno è offrire contenuti autorevoli e privi di pubblicità invasiva.
Sei un lettore abituale del Sicilian Post? Sostienilo!

Fai una donazione libera

Preferiresti fare un bonifico? Inviaci una mail per richiedere le nostre coordinate bancarie

Print Friendly, PDF & Email