Prodotto in particolare nell’area di Vittoria, in provincia di Ragusa, è costituito da una conserva a base di pomodori secchi, a cui vengono aggiunti olio, origano, aglio e aromi vari. Oggi è apprezzatissimo e infatti lo si trova dappertutto, ma questo sfizioso condimento ha un’origine più antica di quanto si pensi

Non è la prima volta che nella nostra rubrica finiamo per parlare di cucina: in senso stretto, infatti, abbiamo cercato di risalire agli albori della cassata siciliana, abbiamo indagato i dettagli del tipico pani ‘ca meusa palermitano e abbiamo sfatato alcuni miti sul curioso falso magro, per poi tirare in ballo anche cacòcciula, mènnuli e cabassìsi per via dei loro significati traslati e delle metafore a cui hanno dato vita. Oggi non facciamo eccezione e ci occupiamo di indagare le peculiarità e l’etimologia del capuliàtu.

Prodotto in particolare nell’area di Vittoria, in provincia di Ragusa, questo condimento tradizionale, diffusosi presto nell’intera isola, è costituito da una conserva a base di pomodori secchi, a cui vengono aggiunti a seconda dei gusti e della fantasia di chi lo prepara olio, origano, aglio, basilico ed eventuali altri aromi. La marinatura dà così come risultato una salsina di colore rosso scuro dal sapore pronunciato e spesso piccante, che viene conservata sott’olio in barattoli di vetro  e che diventa perfetta da spalmare sul pane o da servire come accompagnamento per pietanze della tradizione popolare.

Una ricetta tipica della dieta mediterranea, insomma, che ha fatto presto a riscuotere successo nel resto del Paese, tant’è che ormai la sua preparazione si può imparare anche seguendo le istruzioni presenti in svariati siti internet nazionali. La sua origine, però, è ben più antica di quanto si possa immaginare ed è attestata linguisticamente addirittura nel latino volgare, in cui esisteva per l’appunto la voce capulare con il significato di “fare a pezzettini”.

Da lì, la radice si è poi evoluta nel verbo aragonese capolar, poi rimasto identico nel catalano e nello spagnolo castigliano. Ancora oggi, quindi, tanto nell’area iberica quanto in quella sicula il termine fa riferimento all’atto di ammorsellare – motivo per cui non è un caso che nella Trinacria si riferisca anche a uno specifico tipo di carne triturata (la capuliàta, per l’appunto). Un sapore caratteristico che va di pari passo con un’origine culturale altrettanto “gustosa”.

Il nostro impegno è offrire contenuti autorevoli e privi di pubblicità invasiva.
Sei un lettore abituale del Sicilian Post? Sostienilo!

Fai una donazione libera

Preferiresti fare un bonifico? Inviaci una mail per richiedere le nostre coordinate bancarie

Print Friendly, PDF & Email